Mutui e finanziamenti in genere sono, ormai, guardati con sospetto, da un numero sempre maggiore di clienti degli istituti di credito, che cercano di capire se quella sensazione di abuso subito, possa rivelarsi, nei calcoli, come usura preventiva o successiva, col conforto delle sentenze emesse dalla Cassazione e la protezione della legge anti-usura.

Mutui 2014, cose importanti da sapere sull'usura Bancaria: la somma di tasso e oneri

Per i mutui e finanziamenti in genere, siano essi acquisti rateali, credito revolving con carte di credito, apertura di credito in conto corrente ecc. bisogna ricordare che la soglia massima, per parlare di usura, si può considerare superata facendo un calcolo che aggiunga al Tasso Nominale anche tutti gli oneri, applicati dalle Banche, durante il procedimento per la concessione del credito.

La CIV, ad esempio, è la commissione d'istruttoria veloce, calcolata per gli sconfinamenti senza affidamento, che può essere prevista in maniera fissa, ma quando diventa moltiplicatore per ogni sconfinamento, allora può generare una serie di spese che vanno fuori controllo in maniera sospetta.

A tal proposito, è necessario tenere presente, che la suddetta CIV rientra nel calcolo del Tasso Effettivo Globale, per cui contribuisce ad un eventuale superamento del tasso di usura, come previsto chiaramente dalla legge sull'usura 108/1996.

Mutui 2014, cose importanti da sapere sull'usura Bancaria: le Sentenze della Cassazione

La prima cosa importante da sapere, sulle ipotesi di usura per i Mutui e finanziamenti in genere, sono i contenuti delle sentenze della Corte di Cassazione, che con ben tre pronunciamenti ha chiarito le linee da seguire per definire il problema.

I migliori video del giorno

La sentenza nr. 350/2013, dunque, afferma che gli interessi di mora vanno calcolati, assolutamente, nel calcolo dell'usura, quando questi siano previsti nel contratto di finanziamento a prescindere dal fatto che la mora ci sia stata. Altre due Sentenze, la nr. 602/2013 e 603/2013, hanno definitivamente affermato che l'usura può essere anche successiva alla stipulazione del contratto, verificandosi quando i tassi si siano abbassati per effetto di cambiamenti delle condizioni di mercato, rendendo troppo alti quelli inizialmente pattuiti. Inoltre, a confermare queste decisioni, sono arrivate le indicazioni dell'Arbitro bancario finanziario, sulla trasformazione dei Mutui a causa dell'usura sopravvenuta, come si evince dalla Decisione dell'Arbitro datata 10 gennaio 2014, prot.77/14.

Mutui 2014, cose importanti da sapere sull'usura Bancaria: consulenze ed effetti concreti

Esiste, quindi, l'esigenza di verificare le condizioni dei contratti di Mutuo e finanziamento, per poter fare emergere eventuali ipotesi di usura e, questo, ha prodotto un'ampia offerta di consulenze che spesso producono aspettative esagerate, nei clienti, che comunque si trovano a pagare anticipatamente le perizie. Prima di affrontare qualsiasi contenzioso è bene sapere che si possono subito valutare gli effetti concreti dell'usura originaria e sopravvenuta.

Infatti, nella prima ipotesi, gli interessi si azzerano e non si pagano per l'intera durata. Mentre nell'ipotesi di usura sopravvenuta, secondo le ultime sentenze, vengono considerati solo gli interessi eccedenti la soglia di usura, senza azzeramenti. #tasso mutui #finanziamenti imprese