Paura e rabbia a Napoli per l'episodio accaduto alle ore 09.30 di questa mattina in via Ponte dei Francesi. Un uomo di 67 anni alla guida di una BMW di colore grigio ha investito due uomini durante una pacifica manifestazione di protesta promossa da una ditta di pulizie. A perdere la vita è stato il 62enne Raffaele Vettorino, anch'egli manifestante. Quest'ultimo, accortosi di quanto stesse succedendo, ha tentato di rincorrere l'auto pirata e identificare il conducente della BMW.

Pubblicità
Pubblicità

Il sessantaduenne si è accasciato a terra poiché colto da un malore e ha perso la vita dopo essere stato portato d'urgenza all'ospedale Loreto Mare.

Il pirata della strada aveva già investito, pochi minuti prima, altri due giovani partecipanti della manifestazione. Nessuno però era riuscito a fermarlo. Gli uomini investiti dal guidatore della BMW sono ora al presidio di via Vespucci e all'ospedale Cardarelli di Napoli visti i numerosi traumi e fratture subite a causa dell'impatto con il veicolo.

Pubblicità

Dopo l'incidente è esplosa la rabbia degli ex Isu che hanno bloccato la viabilità non solo di via Ponte dei Francesi ma anche delle uscite autostradali che collegano, appunto, l'autostrada con via Marina. I manifestanti hanno gridato giustizia e hanno espresso indignazione in merito al triste accaduto. "Non è possibile che dobbiamo pagare con la vita i nostri diritti. Abbiamo perso non solo un nostro lavoratore ma anche un caro amico", sostengono i manifestanti dopo l'episodio.

Il pirata della strada, alla guida di una BMW di colore grigio, è stato arrestato dalla Polizia di Napoli. Il 67enne ora è al commissariato Vasto di Napoli mentre la polizia tenta di ottenere le registrazioni delle telecamere di sorveglianza presenti in via Ponte dei Francesi. I manifestanti sono riusciti a leggere e ricordare il numero di targa della BMW guidata dal pirata della strada e, stando a quanto identificato dalla Polizia, l'autovettura risulta rubata.

La Polizia di Napoli tiene in mano il caso mentre i lavoratori ex Isu piangono la perdita di un compagno di lavoro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto