San Cataldo - Il 28 maggio è giunta in provincia di Caltanissetta, la Reliquia di una grandissima Santa Carmelitana, Santa Teresa D'avila, in occasione del 170° di fondazione della Diocesi di Caltanissetta. La Reliquia sta girando tutti i comuni della Diocesi nissena, ma anche di tutta la Sicilia. A San Cataldo è stata accolta alla Chiesa Sant'Antonio, prima della Santa Messa e poi è stata accompagnata in processione, fino alla Chiesa Madre, dove l'Arcivescovo Biagio Biancheri, l'ha accolta insieme ad una numerosa folla di fedeli.

Il 29 maggio la Reliquia, è stata tutto il giorno posta accanto l'altare della Chiesa Madre, e durante la Santa Messa, i fedeli avevano la possibilità di far visita. La messa è stata celebrata da un sacerdote carmelitano, il quale ha fatto una profonda catechesi sul modo di pregare e di meditare della Santa. Alla fine della celebrazione Eucaristica, il Reliquiario è stato accompagnato in processione, pronto per partire per la città di Caltanissetta.

Chi era Santa Teresa D'Avila

Santa Teresa o Teresa di Gesù, è stata una religiosa e mistica spagnola. È entrata nel Carmelo D'avila all'età di vent'anni, fuggita di casa, la sua conversione inizia a trentanove anni, quando divenne una delle figure più importanti della Riforma Cattolica, grazie alla sua attività di scrittrice e riformatrice delle monache e Carmelitani Scalzi.

La sua opera maggiormente celebre è "Il castello interiore" un itinerario dell'anima alla ricerca di Dio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Papa Francesco

È stata proclamata beata nell'anno 1610 e proclamata Santa da Papa Gregorio XV, nel 1622 e dichiarata tra i Dottori della Chiesa da Papa Paolo VI, insieme a Caterina Da Siena. Il suo misticismo si basava sull'orazione e la meditazione, lei praticava due tipi di orazione: una di quiete e l'altra di unione.

La Santa pare abbia avuto le stimmate di Gesù impresse nel cuore, tutt'oggi conservato in una teca ad Alba De Tormes. A San Cataldo, la Santa è stata accolta con molta devozione e molti parrocchiani, attendono la sua visita anche una seconda volta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto