Ritorna l'approfondimento sui sondaggi politici. Oggi, martedì 27 gennaio, vi presentiamo i dati raccolti da Demos. In attesa di ulteriori novità in merito alla riforma pensioni 2015 del Governo, la fiducia sul Premier Matteo Renzi continua a calare, a testimonianza di come gli italiani stiano rivolgendo la loro attenzione "altrove". Rispetto al 50% del mese di dicembre, la percentuale di gradimento sul capo del Governo si attesta al 46%.

Al secondo posto troviamo Matteo Salvini, il leader della Lega Nord, che si conferma al 34%, in calo dell'1% rispetto a dicembre, con altri due punti recuperati sul leader del Partito democratico. Completa il podio Angelino Alfano, tra i pochi leader che vedono la loro percentuale di gradimento in rialzo, con il capo del Nuovo Centrodestra che conquista il 25% della fiducia dell'elettorato, operando così il sorpasso nei confronti di Giorgia Meloni, crollata al 23%, appena sopra Silvio Berlusconi (22%), in rialzo dell'1%.

Chiudiamo infine l'analisi sulla fiducia dei singoli leader con Beppe Grillo, al 18% insieme a Nichi Vendola di Sinistra Ecologia e Libertà. 

Sondaggi politici Demos 25 gennaio: il Partito democratico torna ai livelli di novembre 2014

Analizzando i nuovi sondaggi politici presentati da Demos in data 25 gennaio possiamo affermare che il Partito democratico è tornato ai livelli fatti registrare tre mesi fa, quando a novembre faceva registrare una percentuale pari al 36.3%, la stessa di questo primo mese del nuovo anno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Renzi Sondaggi Politici

In attesa di scoprire se il piano deciso da Mario Draghi per l'Unione Europea avrà effetti positivi anche sull'economia del nostro Paese, i cittadini italiani continuano ad allontanarsi del Pd, spostando la propria attenzione sugli altri partiti, quelli della coalizione di Centrodestra per esempio. Un dato chiaro, e in controtendenza rispetto agli altri partiti, è quello di Forza Italia, che ha visto il suo elettorato crescere di oltre il 2% rispetto all'ultimo rilevamento del mese scorso (15,8%, a dicembre FI raccoglieva il 13,6%).

Silvio Berlusconi, in tempi non sospetti, ha detto a chiare lettere che il 2015 sarebbe stato quello della riscossa per il suo partito e per l'intera coalizione. Il Centrodestra infatti, grazie anche al decisivo apporto della Lega che resta stabile al 13%, e la crescita - seppur minima - del NCD, può continuare ad avvicinarsi ai rivali democratici, riducendo lo svantaggio a poco più del 3%, un dato questo che può e deve far allarmare renziani e non. 

Sondaggi politici Demos 25 gennaio: il Movimento 5 Stelle avvicina di nuovo la soglia del 20%

La fotografia degli ultimi sondaggi politici presentati da Demos ci illustra anche la situazione all'interno del Movimento 5 Stelle.

Dopo il crollo degli ultimi mesi, i grillini contengono le perdite e per la prima volta dopo diverse settimane riescono a far registrare un +0,5% rispetto all'ultimo mese, toccando il 19,7%, dato sostanzialmente identico a quello di settembre 2014. Interessante anche segnalare l'opinione degli italiani in merito agli sbarchi di immigrati e profughi. Coloro che sono favorevoli al respingimento rappresentano la maggioranza degli italiani (45%) mentre coloro i quali accoglierebbero altri immigrati rappresentano, ad oggi, il 44% della popolazione.

Diverse, come era lecito aspettarsi, le percentuali nell'elettorato della Lega, dove oltre il 70% hanno votato per il respingimento. Se volete restare aggiornati sugli ultimi sondaggi cliccate il tasto 'Segui' in alto a destra. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto