Inizia oggi una settimana particolarmente importante per le 'sorti' del disegno di legge della Buona Scuola: quali prospettive e quali scenari ci attendono? Comincerà questo pomeriggio l'esame della riforma in commissione Istruzione: in particolar modo, oggetto dell'approfondimento saranno i 1960 emendamenti con un programma che prevede, fino a venerdì 19 giugno 2015, anche due o tre riunioni al giorno. 

Si sono, invece, già espresse a favore la Commissione Affari esteri e quella delle Finanze, oltre a quella dell'Agricoltura e dei Lavori Pubblici: manca ancora il parere di alcune commissioni, come quella della Giustizia e dell'Ambiente, mentre è particolarmente atteso il giudizio della Commissione Bilancio che, fino a questo momento, si è pronunciata solo su alcuni articoli, tralasciando i nodi cruciali della riforma. 

DDL Buona Scuola: non dovrebbero esserci altre sorprese in Senato

La sensazione, comunque, è che non dovrebbero arrivare altre sorprese come quella della scorsa settimana con la bocciatura in Commissione Affari Costituzionali: le dichiarazioni a 'caldo' degli esponenti del Partito Democratico che hanno parlato di semplice 'incidente di percorso' potrebbero trovare effettivo riscontro. Va detto, a questo proposito, che il voto di questa commissione non è vincolante, nè obbligatorio: ben diverso, invece, se si trattasse della conversione in legge di un decreto.

Riforma Scuola, Renzi e i numeri in Senato: i 'verdiniani' saranno il 'salvagente'

Matteo Renzi dovrebbe riuscire a vincere la propria battaglia in Senato, nonostante la 'spina interna' della minoranza di sinistra e il 'periodaccio' del Nuovo Centro Destra, di cui non si parla tanto sul piano politico quanto sul piano giudiziario per le note recenti vicende che hanno visto protagonisti gli onorevoli Giuseppe Castiglione e Antonio Azzollini.

Pubblicità
Pubblicità

Il leader del Partito Democratico dovrebbe trovare il proprio 'salvagente' nei 'verdiniani', ossia quella quindicina di senatori staccatasi da Forza Italia e 'seguaci' di Denis Verdini. Se tale appoggio non verrà meno, il percorso parlamentare della Buona Scuola potrà considerarsi virtualmente completato: l'unica ma importante incognita riguarda la data di approvazione, perchè da questa dipenderà la 'messa in moto' della macchina organizzativa riguardante le assunzioni.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto