La Premier Theresa May lo ha annunciato a sorpresa: il prossimo 8 giugno il Regno Unito andrà di nuovo al voto.

Il primo ministro inglese, dopo il voto sul referendum sulla Brexit dello scorso 23 giugno, richiama gli inglesi alle urne e lo ha comunicato pochi minuti fa in una dichiarazione alla nazione direttamente dal numero 10 di Downing Street.

Nonostante nei mesi precedenti avesse a più riprese escluso nuove elezioni politiche, oggi la premier conservatrice ha scelto di rompere gli indugi.

Ufficialmente ha dichiarato che tale tornata elettorale servirà ad “assicurare una leadership forte e stabile di cui il paese ha bisogno” e che “ogni voto per i conservatori rafforzerà la posizione del Regno Unito nei negoziati” con l’UE a Bruxelles.

Dopo il terremoto Brexit, il Regno Unito si trova a dover affrontare una nuova campagna elettorale, che promette sin da adesso dura battaglia tra i due maggiori partiti politici inglesi, quello dei conservatori attualmente al governo e quello dei laburisti.

La decisione del voto anticipato arriva a sorpresa e adesso tutti o quasi scommettono sul nuovo terremoto che potrebbero scatenare le nuove votazioni: le borse di tutto il mondo, esperti di geopolitica e l’Unione Europea in primis, si domandano cosa stavolta uscirà dalle urne inglesi.

La battaglia contro le opposizioni è già iniziata

Theresa May, durante il suo discorso, non si è risparmiata dall’attaccare l’opposizione: il clima di forte divisione che si è creato all’interno del Parlamento inglese, secondo la Premier, sarebbe imputabile non al suo partito ma a quello avversario.

L’opposizione infatti è stata accusata di fare solo i propri interessi e di voler continuare nei “sui giochi politici”; e proprio per porre fine a questo atteggiamento da parte dei propri avversari, dopo averle escluse per mesi, la May ha deciso di giocare la carta dell’elezioni anticipate e fissarle per l’8 giugno.

La premier ha incominciato già la sua campagna elettorale, affermando che la scelta del popolo inglese sarà “tra una leadership forte e stabile nell'interesse nazionale con Theresa May e i conservatori o una coalizione di governo debole e instabile guidata da Jeremy Corbyn" il leader dei laburisti.

Ad oggi il primo ministro può contare, secondo gli ultimi sondaggi, su un netto vantaggio del suo Partito rispetto all'opposizione laburista.

Segui la nostra pagina Facebook!