Grande apatia tra gli elettori di ostia per il ballottaggio del 19 novembre. Secondo i dati ufficiali, solo un cittadino su tre è andato a votare. Tuttavia, con quasi 20 punti di differenza, la candidata del Movimento 5 Stelle, Giuliana Di Pillo, si è aggiudicata la vittoria delle elezioni al X Municipio di Roma. Un risultato che dimostra che “l’effetto Virginia Raggi” è ancora presente ed è positivo, secondo le parole del candidato premier del M5S, Luigi Di Maio. Nonostante la coalizione dei partiti di centrodestra Forza Italia, Noi con Salvini e Fratelli d'Italia, e la “campagna di diffamazione” contro il sindaco Raggi, i 5 Stelle hanno vinto e si preparano per le elezioni politiche nella primavera del 2018.

“È la vittoria di tutti gli italiani – ha scritto Di Maio su Twitter – e della voglia di rinascita. Grazie di cuore”.

Che cosa dicono i risultati ad Ostia

Il risultato ad Ostia, oltre a svelare il consenso oggettivo del Movimento 5 Stelle, conferma che il grande vero problema è l’astensione. Gli italiani non credono più ai partiti politici e preferiscono semplicemente non andare a votare. Ad Ostia l'affluenza finale è stata del 33,60%, ancora meno del 36,10% del primo turno due settimane fa.

Tra questi voti, Di Pillo ha vinto con il 59,60%, mentre la candidata unica del centrodestra Monica Picca ha ottenuto il 40,40%. “All'Idroscalo noi abbiamo perso – ha detto Picca -. L’Idroscalo è la nuova Ostia, lì dove sono rappresentati soprattutto i voti di Casapound”.

Inoltre, crede che i voti degli Spada sono andati a Di Pillo.

Vulpiani: È il turno della leadership politica

Per Domenico Vulpiani, commissario a Ostia dal 2015 dopo lo scioglimento del Municipio per mafia, ha detto in un’intervista al Corriere della sera che in due anni e mezzo di duro lavoro e impegno sono state gettate le basi per tornare alla normalità e a un sistema di legalità: “Credo che i nuovi amministratori non devono essere lasciati soli, Roma Capitale e la Regione, nell’ambito delle proprie competenze, devono supportare il Municipio per spingere verso il cambiamento”.

Secondo Vulpiani, “i cittadini di Ostia hanno chiesto a gran voce di votare, ma poi alle urne non è andato quasi nessuno. Non è questo l`atteggiamento utile per sconfiggere i clan, senza partecipazione non c`è democrazia”. Il commissario pensa che una volta avviato il sistema di legalità, ora il grosso del lavoro tocca alla leadership politica.

Chi è Giuliana Di Pillo

E chi è Giuliana Di Pillo? Nata nel 1962 a Roma, ha sempre vissuto ad Ostia. È cresciuta nei campi da pallacanestro del X Municipio, dove era impegnata in attività agonistica. Si è interessata all'attività motoria dei bambini e per questo è diventata istruttrice nazionale minibasket. Di Pillo si è diplomata in Educazione Fisica all'Isef di Roma. Il suo impegno professionale è sempre stato nelle scuole, a favore dell’educazione speciale e la didattica. È stata anche fondatrice dell'Associazione Ostia che Cammina. I primi passi nella politica sono arrivati grazie grazie ad un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo. Le proposte del Movimento l'hanno conquistata e per questo si è impegnata nell'organizzazione del V-Day.

Di Pillo è stata candidata alle amministrative con la Lista Civica Amici di Beppe Grillo ma poi ha cercato di arrivare al Senato nelle politiche del 2013. La sua proposta politica ad Ostia è stata molto semplice: voleva dare voce ai cittadini più deboli, per poter assicurare a tutti una vita degna. Una formula quasi banale che però potrebbe dare una forte vittoria elettorale al M5S nelle elezioni politiche del 2018.

Segui la pagina M5S
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!