La nave dell’Ong Mediterranea, dopo una lunga giornata in mare, è stata posta sotto sequestro e i migranti sono stati fatti scendere nella notte e condotti al centro di accoglienza di Lampedusa. Alex, forzando il blocco navale, ha innescato l’ira del Ministro Matteo Salvini che continua a ribadire la linea dei porti chiusi.

Hot spot Lampedusa troppi migranti

Intanto la nave Alex è stata posta sotto sequestro e il capitano dell’imbarcazione risulta indagato per favoreggiamento dell’immmigrazione clandestina.

All’1 e 30, una volta sbarcati i migranti, la Guardia di Finanza ha effettuato un lunga perquisizione durata ore, con il sequestro di tutti i documenti. Si è svolta stamani, sul molo dell’Isola, la conferenza stampa dell’equipaggio nella quale è stata ribadita la scelta necessaria, da parte dell’equipaggio del veliero, di un attracco, nella giornata di ieri, in un porto sicuro, viste le gravi condizioni igienico sanitarie a bordo.

La portavoce della Mediterranea, Alessandra Sciurba, ha ribadito che la Alex non è attrezzata per garantire sicurezza per lunghi tempi e ad un così alto numero di persone: “Noi dobbiamo tornare immediatamente in mare, come si fa ad essere così cinici e crudeli. Il Viminale afferma che il gommone non avrebbe avuto nessun problema, io vorrei che chi dice questo facesse un’esperienza con noi, tutte le persone scese erano numerate, e poi di dicono che non si deve parlare di Olocausto”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Queste le parole della portavoce di Mediterranea. Intanto, sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Lampedusa, denunciando il collasso dell’Hot spot isolano che ha una capienza massima di 100 persone, e che in queste ore ne sta ospitando il doppio, avendo accolto gli ultimi 46 migranti dell’Alex. Gli sbarchi a Lampedusa non si sono mai fermati, le piccole imbarcazione continuano ad approdare nell’Isola nel silenzio delle Istituzioni e del Governo.

Malta rifiuta attracco migranti Alan Kurdi

Se la vicenda della Alex di Mediterranea ha trovato un porto sicuro e rimane in attesa delle conseguenze, incerte rimangono ancora le sorti dell’Alan Kurdi, l’imbarcazione dell’Ong tedesca See Eye. Le autorità maltesi hanno, infatti, negato l’ingresso a Malta. Il governo ha dato mandato alle forze armate di intervenire se la Alan Kurdi dovesse entrare nelle acque maltesi e avvicinarsi entro le 12 miglia.

L’imbarcazione, con a bordo 65 migranti, si trova in navigazione dalla notte di venerdì 5 luglio. La Germania, in un'ottica europea, si è detta pronta ad accogliere alcuni dei migranti che si trovano a bordo delle due navi al centro delle polemiche nelle ultime ore, disposta ad aiutare alcuni di essi. La situazione rimane in evoluzione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto