La Lega ha proposto un emendamento per bloccare la pubblicità di siti vietati ai minori. Si tratta di una sorta di parental control che di fatto potrà bloccare i contenuti e le pubblicità riservati ad un pubblico adulto. Non tutti sembrano soddisfatti. Mancano ancora chiarimenti per l'attuazione del provvedimento. E sui social network l'attrice e influencer Valentina Nappi esprime tutta la sua contrarietà al punto da valutare ironicamente una sua possibile entrata in Politica.

La proposta del senatore Pillon

Fa discutere la proposta della Lega che vuole mettere un filtro sulla pubblicità per bloccare i contenuti per adulti.

La proposta è del senatore Pillon e prevede un sistema di parental control. Questo potrà essere disattivato soltanto nel caso in cui il titolare di un contratto telefonico lo comunichi in modo esplicito al gestore.

La modifica potrebbe essere approvata da camera e senato in temi brevi. Il decreto infatti deve essere convertito in decreto entro il prossimo 29 giugno. Restano alcuni nodi da sciogliere. Secondo Repubblica infatti dovrà esserci un confronto in merito con gli operatori del settore per valutare in modo approfondito il campo di applicazione di questa norma.

I contenuti della proposta

Andando a leggere l'articolo 7 bis dell'emendamento, all'interno della sezione "Sistemi di protezione dei minori dai rischi del cyberspazio si legge" si parla di "sistemi di parental control".

Sarebbero un "filtro di contenuti inappropriati per i minori e di blocco a contenuti riservati ad un pubblico di età superiore agli anni diciotto".

Solamente il consumatore titolare del contratto, e quindi maggiorenne, può disattivare il filtro con una richiesta esplicita da fare al proprio operatore telefonico.

"Gli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche assicurano altresì adeguate forme di pubblicità di tali servizi".

Secondo Pillon con questo emendamento molti bambini che ogni giorno hanno accesso al web saranno messi in sicurezza. Si tratta di un "piccolo regalo da parte della grande famiglia della Lega a tutte le mamme e i papà" che vogliono che i propri figli siano protetti dai pericoli della rete.

La reazione di Valentina Nappi

Valentina Nappi, tra le star italiane più famose sui siti per maggiorenni, non sembra d'accordo con questa proposta. Già in passato ha avuto confronti molto accesi con la Lega e in particolare con il leader Matteo Salvini.

Nappi ama sempre commentare l'attualità politica su temi come il femminismo con frasi forti e provocatorie. E sull'emendamento presentato da Pillon ha riportato la notizia su Twitter commentando ironicamente con queste parole: "State rischiando di farmi entrare in politica".

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la pagina Lega Nord
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!