Le sigarette elettroniche rimangono liberamente vendibili. Questa è la decisione del Parlamento europeo di Strasburgo. La maggioranza degli eurodeputati ha votato contro un emendamento che mirava a dare lo status di medicinale a questo tipo di sigarette per limitarne la diffusione. 

La maggior parte dei politici di destra - membri del Partito Popolare Europeo, dei liberali e degli euroscettici conservatori – hanno votato contro questa misura, sostenuta, invece, dai socialisti e dagli ecologisti.

Pubblicità
Pubblicità

La vendita di questi prodotti, le cui conseguenze sulle salute sono oggetto di controversie, sarà vietata ai minori così come ne sarà bloccata la pubblicità. Inoltre, la lista dei componenti dovrà essere resa pubblica.

Al di là di questo, la direttiva europea è volta a rendere il fumo meno attrattivo per i giovani. Dopo una vasta campagna da parte delle aziende del settore, gli eurodeputati hanno deciso di proibire l'uso degli aromi come il mentolo. 

I parlamentari europei sono anche d'accordo sul fatto di rendere più visibili gli avvertimenti contro il tabacco: essi dovranno coprire il 65% dei pacchetti delle sigarette e saranno stampati sulla parte superiore delle scatole.

Pubblicità

Presentata prima dell'estate, la direttiva è stata portata in aula da Linda McAvan, eurodeputata laburista, ed è stata oggetto di circa 300 emendamenti. In ogni caso gli eurodeputati hanno voluto approvare il testo a inizio ottobre piuttosto che rinviarlo a dopo le elezioni europee del maggio 2014, come avevano, al contrario, suggerito i produttori di sigarette.  

Sedici ministri della Salute di 28 Paesi membri dell'Unione Europea, hanno lanciato un appello al Parlamento affinché tutte le istituzioni dell'Ue si accordino prima della fine dell'anno su una nuova legge antitabacco.

Ora è tempo delle negoziazioni tra gli Stati membri e il Parlamento Europeo per raggiungere questo obiettivo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto