Questa volta a danneggiare le scimmie che sono state protagoniste degli esperimenti non sono stati gli scienziati, ma piuttosto gli incendi sviluppatisi in California nel 2008 che hanno avuto l'effetto di ridurre lo sviluppo del sistema immunitario e la funzione polmonare delle bestiole.

Nel giugno 2008, incendi diffusi nel nord della California hanno riempito di fumo l'intero Ambiente in cui vivevano i primati al punto che le polveri sviluppate hanno continuato ad essere presenti nella zona per oltre 10 giorni.

L'anno successivo agli incendi i ricercatori hanno potuto confrontare la funzione polmonare e i livelli di attivazione del sistema immunitario delle scimmie esposte al fumo con i soggetti nati negli stessi mesi nel 2009, quando non si era verificato alcun incendio. Per la prima volta si è dimostrato che le polveri sottili hanno il potere di influenzare la parte del sistema immunitario che combatte malattie infettive.

Nonostante non fosse fra i fini degli sperimentatori è così emerso un significativo nesso tra la alterazioni della funzione polmonare e i deficit del sistema immunitario.

Le scimmie esposte al fumo, ed in particolare le femmine e i piccoli della specie, sono risultate più suscettibili alla malattia infettiva del campione estraneo agli incendi. I cuccioli, poi, hanno subito dei danni a carico dello sviluppo del sistema respiratorio e in particolare dei polmoni.

Ad avere influenzato particolarmente questi risultati sarebbe stata una sostanza, il PM2.5, che se inalato profondamente nelle vie aeree e polmonari può avere gravi effetti, compresa la morte prematura, soprattutto nelle persone con pregresse sofferenze cardiache.

Va ricordato che questa sostanza è comunemente presente nelle particelle che si trovano nello smog, combinate ad ozono e altre sostanze.

Se i livelli di quelle sostanze erano comuni in passato nello stato americano, a valle di questo studio il California Air Resources Board ha introdotto normative di controllo delle emissioni che hanno avuto effetti importanti sull'incidenza delle polveri sottili nell'ambiente.

Segui la nostra pagina Facebook!