La vitamina B12, può essere assunta con la dieta oppure essere prodotta dalla flora batterica intestinale di un soggetto sano. Dopo i 50 anni, nel 10%-30% della popolazione si riscontra un abbassamento dei livelli di questa vitamina, indipendentemente dal regime alimentare adottato. Essa è presente abbondante nei cibi di origine animale (carne, pesce, latticini, uova), mentre è in pratica trascurabile nel mondo vegetale. Che cosa comporta una carenza di vitamina B12? Le conseguenze comprendono le patologie ematologiche e in seguito malattie del sistema nervoso centrale e periferico. Dalla letteratura scientifica alla carenza di vitamina B12, risultano associate alcune patologie come demenza e malattie psichiatriche, complicanze della gravidanza, osteoporosi ecc.

L'American Dietetic Association raccomanda che i vegani devono assumere cibi fortificati o integratori. Un onnivoro consumatore di carne, di pesce o lacto-ovo-vegetariani (cioè che consumano latte e uova) hanno generalmente una scorta di vitamina B12, mentre i vegani sono i più soggetti alla carenza. In letteratura alcuni autori ritengono sia presente nelle alghe e in alcuni cibi della cucina macrobiotica giapponese come (Tempeh e il miso) ma in uno studio del 2002 Watanabe e altri erano giunti alla conclusione che tale vitamina presente nelle alghe non è attiva. Il consiglio è quello che i vegani siano sotto controllo mediante analisi e chiedano sempre un parere al medico.

Quindi, a meno che non siano stati addizionati con vitamina B12, nessun cibo di origine vegetale contiene quantità significative di tale vitamina attiva.

I migliori video del giorno

Cibi come alghe marine e la spirulina possono contenere analoghi e non dovrebbero essere considerati fonti affidabili di questa vitamina. L'alimentazione perfetta se è mai esistita, almeno oggi non c'è più, possiamo solo parlare di alimentazione migliore che è quella capace di apportare il massimo dei benefici e il minimo dei problemi. Questo è il caso di un'alimentazione naturale a base vegetale. Le diete vegetariane hanno dei vantaggi ma quelle equilibrate assicurano il giusto apporto dei nutrienti necessari al Benessere psicofisico di un individuo.