Da oggi potrebbe bastare una semplice app per scoprire se siamo a rischio di iper-uricemia, ovvero, aumento di acido urico nel sangue che rappresenta uno dei campanelli d'allarme per problematiche di Salute che possono diventare importanti. L'idea è venuta alla Siia (Società italiana per l'ipertensione arteriosa), perché l'acido urico, connesso all'ipertensione, può causare problematiche importanti.

Cosa dicono i medici

I medici sostengono che l'iper-uricemia, nel caso di ipertensione, può aumentare il rischio di danni al cuore, ai reni, al metabolismo e alle articolazioni. Il presidente della Siia, Claudio Borghi, giustamente sostiene che gli individui non devono illudersi di potersi monitorare o "curare" da soli, bypassando il parere del medico, però l'utilizzo di questa nuova app potrebbe essere un modo per prevenire in tempo una patologia, risparmiare in termini di spesa sanitaria e portare le persone ad una maggiore consapevolezza e partecipazione nella gestione della propria salute.

L'acido urico

L'acido urico è di norma presente nel nostro organismo, ma per fattori ambientali, o genetici o alimentazione troppo ricca, può superare i valori normali e causare serie complicanze.La gottaad esempio è una malattia che, a causa di un aumento di cristalli di acido urico nelle articolazioni, può provocare artrite acuta a livello di: caviglia, ginocchio, polso o primo dito del piede.

L'Applicazione

E' stata presentata il 25 settembre a Bologna, durante il 32° Congresso nazionale della Siia e si può scaricare gratuitamente su iPhone e Android dal sito siia.ito sui digital market.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Smartphone

E' uno strumento facile da usare per gli utenti, e gli esperti della Siia credono molto nella sua validità e utilità, avendone già messa a punto una per il controllo della pressione arteriosa proprio un anno fa. "Siamo stati tra i primi in Italia a dare consistenza scientifica alle app per cellulari" precisa il dott. Borghi, "e i riscontri sono stati positivi sia dai pazienti che dai loro medici curanti".

Più consapevolezza

Oggi facciamo tutti poca attenzione, cibo spazzatura, sale, dolci di tutti i tipi e questo può portare l'ipertensione e altre patologie, quindi se un'app può servire a portarci verso una direzione piùsalutare allora, viva le app!

Un ultimo consiglio per voi, ricordate che uno studio dell'Università di Pechino ha dimostrato che aggiungere acido folico alla dieta, combinato ai farmaci ipertensivi, riduce di il rischio di ictus e infarto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto