L'obesità è una delle maggiori cause di rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari e cancro, pertanto è necessario seguire un metodo dietetico che abbia un’azione snellente e stabilizzante del peso ideale, una volta raggiunto.

A tale proposito i ricercatori del Department of Public Health and Clinical Medicine, Umeå University, Svezia, hanno confrontato l’effetto di due diete somministrate a 70 donne obese in menopausa nell’arco di due anni: un gruppo riceveva una dieta paleolitica, l’altro una dieta nordica equilibrata, entrambi non ipocaloriche.

I soggetti che seguivano la dieta paleolitica perdevano più peso rispetto a quelli della dieta di controllo; l’11% dopo 6 mesi, rispetto al 6% del gruppo di riferimento; entrambi i valori rimanevano costanti per altri 18 mesi. Risultato analogo sulla massa grassa, la dieta paleo riduceva il grasso sottocutaneo del 19% dopo 6 mesi e del 14% dopo 24 mesi, quella di controllo il 10% dopo 6 e 24 mesi.

Solo il metodo paleo diminuiva l’insulina a digiuno dopo 6 mesi, suggerendo una migliore insulino sensibilità e metabolismo degli zuccheri. Questo tipo di dieta aveva già mostrato in altri studi, in soggetti con diabete di tipo 2, di migliorare tolleranza al glucosio, livelli dei trigliceridi e pressione sanguigna.

Il lavoro è stato pubblicato su European Journal of Endocrinology nel giugno 2019.

Azione dei nutrienti sugli ormoni

Quando i nutrienti passano attraverso l’intestino, le cellule enteroendocrine nell’epitelio intestinale producono ormoni come glucagon-like peptide 1 (GLP-1) nel circolo sanguigno, stimolante della sazietà.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Corretta Alimentazione

Nel metodo paleo, caratterizzato da una scarsa assunzione di carboidrati e alta di grassi insaturi, il dimagrimento aumentava i livelli di GLP-1 postprandiali del 34% dopo 6 mesi e del 45% dopo 24 mesi promuovendo sazietà e mantenimento del peso. La dieta di controllo, invece, non aveva effetto sul GLP-1 dopo 6 mesi, ma solo dopo 24 mesi.

Il GLP-1 postprandiale può essere, dunque, un fattore chiave per prevenire il guadagno di peso.

Studio clinico

Le donne in sovrappeso/obese con un indice di massa corporeo (BMI tra 27 e 41 kg/m2) sono state reclutate presso l’Ospedale Unversitario di Umea.

Coloro che ricevevano una dieta paleolitica, 30% di proteine, 30% di carboidrati e 40% di grassi, mangiavano pesce, carne magra, uova, semi oleosi, ortaggi, frutta, bacche, oli vegetali ed escludevano cereali, derivati del latte, zucchero e sale; quelle di controllo ingerivano 55% di carboidrati, 30% di grassi e 15% di proteine, ossia cereali integrali, frutta, ortaggi, pesce, carne magra e derivati del latte.

Nello studio, durato due anni, è stata osservata un’eccellente perdita di peso durante i primi 6 mesi e nessun guadagno durante il restante periodo di studio, soprattutto con il metodo nutrizionale paleolitico, attivo sull’ormone GLP-1.

La composizione della dieta può, quindi, impattare sulla secrezione di ormoni coinvolti nella regolazione omeostatica della perdita del peso e del mantenimento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto