Il Team Ineos diventa sempre più colombiano. Il mercato della squadra britannica si è movimentato nelle ultime ore dopo essere rimasto a lungo fermo al solo ingaggio di Richard Carapaz, l’ecuadoriano vincitore del Giro d’Italia, a fronte di cinque partenze già ufficializzate. La Ineos ha prima concluso l’arrivo dello spagnolo Carlos Rodriguez, pronto a fare il doppio salto di categoria da juniores a professionista, e poi quello del colombiano Brandon Smith Rivera.

Ineos, quadriennale per Rodriguez

Dopo Richard Carapaz, annunciato ormai da tempo, il secondo nuovo corridore del Team Ineos in vista del 2020 è una sorpresa assoluta.

Si tratta del 18enne spagnolo Carlos Rodriguez, un ragazzo che passa direttamente dalla categoria juniores al World Tour con un contratto quadriennale. Rodriguez è ritenuto uno dei migliori talenti della sua generazione ed ha vinto per due volte il titolo nazionale a cronometro.

“Far parte del Team Ineos è incredibile. In questa fase della mia carriera penso a me stesso come ad un corridore a tuttotondo. Essere soldi nelle varie discipline è la mia forza, ma mi piacciono le salite e le corse difficili” ha dichiarato il giovane spagnolo per presentarsi alla sua nuova squadra.

“Penso che se lavoro duro, passo dopo passo, posso migliorarmi e adattarmi al World Tour” ha aggiunto Rodriguez ben conscio della difficoltà di questo doppio salto di categoria.

Rivera: ‘Conosco Bernal da quando avevamo dieci anni’

Anche il secondo nuovo arrivo in casa Team Ineos è un nome nuovo, quello del colombiano Brandon Smith Rivera. Classe ’96, vincitore della cronometro ai Campionati Panamericani, il nuovo corridore della Ineos porta con sé una storia particolare. Rivera è infatti stato il principale avversario di Egan Bernal nelle gare giovanili di mountain bike in Colombia.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Ciclismo

Il vincitore dell’ultimo Tour de France ha infatti iniziato a gareggiare da ragazzino con il fuoristrada ed ora ritroverà in squadra il suo rivale di un tempo, che è anche un suo grande amico.

“E’ un’opportunità d’oro che spero di sfruttare” ha dichiarato Rivera. “Sono cresciuto nella mountain bike, ma mi piacciono le salite, le cronometro e le corse di un giorno. Sarò pronto ad aiutare i miei compagni quando avranno bisogno di me, ma anche a sfruttare al meglio tutte le opportunità” ha aggiunto il nuovo corridore della Ineos prima di raccontare la storia che condivide con Bernal.

“Io e Egan siamo molto amici. Ci conosciamo da quando avevamo dieci anni e abbiamo iniziato con la mountain bike a Zipaquirà. Avevamo entrambi dei grandi sogni e correre di nuovo insieme è incredibile. In Colombia lui è un esempio di come i sogni possono diventare realtà ed è un idolo per bambini e adulti”, ha dichiarato Rivera.

“E’ un corridore versatile e può diventare un ottimo supporto per il team”, ha spiegato l’allenatore della Ineos Xabier Artetxe. “Quando era più giovane lui e Bernal erano i migliori corridori della Colombia in mountain bike.

Erano grandi rivali ma sono buoni amici. Hanno passato tanto tempo ad allenarsi insieme e quindi Egan può aiutarlo a trovare il suo posto nella squadra” ha dichiarato Artetxe.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto