Sarà un’edizione della Tirreno-Adriatico ancora più ricca e completa quella che andrà in scena dal 7 al 14 settembre. RCS Sport ha presentato il tracciato della corsa, che è stato molto rinnovato rispetto al disegno preparato originariamente per lo scorso marzo, quando poi l’evento fu bloccato dall’emergenza sanitaria. Mentre molte corse sono state costrette alla cancellazione o alla riduzione del numero di tappe, la Tirreno – Adriatico è andata invece nella direzione opposta aggiungendo una frazione in più. La corsa durerà quindi otto giorni invece dei canonici sette, e avrà un percorso più impegnativo, vario e tecnico che prevede due tappe di montagna e circa 15.000 metri di dislivello.

Al via ci saranno diversi campioni attesi poi al Giro d'Italia, su tutti Nibali ed Evenepoel.

Tirreno – Adriatico, via con una tappa per velocisti

A poco più di un mese dal via della corsa, originariamente prevista a marzo e spostata a settembre a causa dell’emergenza sanitaria, RCS Sport ha ufficializzato il nuovo percorso della Tirreno – Adriatico.

Rispetto al tracciato previsto inizialmente ci sono molte novità: una tappa in più, molte più salite, una frazione molto tecnica a Saturnia, ma anche un buon spazio per i velocisti.

Ecco il percorso della Tirreno – Adriatico con le caratteristiche delle tappe. Lunedì 7 settembre, 1^ tappa Lido di Camaiore 133 km.

La giornata d’apertura è riservata agli sprinter. Si affronta un primo circuito che comprende il Monte Pitoro per entrare poi in un altro circuito pianeggiante che fa da preludio all’arrivo.

Martedì 8 settembre, 2^ tappa Camaiore – Follonica 201 km. Percorso ondulato con le salite di Castellina Marittima e Canneto, oltre al breve strappo dell’Impostino a 13 km dall’arrivo, ma sostanzialmente favorevole ai velocisti.

Mercoledì 9 settembre, 3^ tappa Follonica – Saturnia 217 km. Tappa lunga e mossa, caratterizzata da tanti saliscendi e dalle due scalate al Muro di Poggio Murella, l’ultima ad appena 9 km dall’arrivo.

Giovedì 10 settembre, 4^ tappa Terni – Cascia 194 km. Prima frazione di montagna sui Monti Sibillini con la salita di Forca di Gualdo, 10 km al 7% di pendenza media. Si affrontano poi le più brevi salite a Rifugio Perugia e a Ospedaletto prima del traguardo di Cascia.

Sassotetto e la crono di San Benedetto

La seconda parte della Tirreno – Adriatico 2020 porterà i corridori su una salita tra le più impegnative degli Appennini, Sassotetto, ma anche su altri percorsi misti e tecnici prima dell’ormai consolidato finale a cronometro a San Benedetto del Tronto.

Venerdì 11 settembre, 5^ tappa Norcia – Sarnano Sassotetto 202 km. È il tappone della Tirreno – Adriatico. Dopo un percorso molto ondulato, ma senza salite lunghe, la corsa arriva a Sarnano dove inizia l’ascesa finale di 14 km al 6% di pendenza ma con punte al 12%.

Sabato 12 settembre, 6^ tappa Castelfidardo – Senigallia 175 km. Frazione per velocisti con un circuito finale da ripetere per quattro volte.

Domenica 13 settembre, 7^ tappa Pieve Torina – Loreto 181 km. Percorso spettacolare disegnato sui muri marchigiani. Si affrontano tre giri di un circuito che comprende i muri di Recanati e Loreto.

Lunedì 14 settembre, 8^ tappa San Benedetto del Tronto 10 km. La cronometro individuale che chiude la corsa ricalca il percorso già visto negli anni scorsi, interamente pianeggiante e con lunghi rettilinei.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!