E' in arrivo per molti, ma non per tutti, l'odiosa e tanto discussa tassa mini imu 2013-2014 sulla prima casa.

A versarla saranno i proprietari di prima casa, residenti in quei Comuni italiani che hanno deciso con delibera, di aumentare le aliquote oltre il 4 per mille.

Tassa mini IMU 2013-2014 prima casa: istruzioni e calcolo

Se il fabbricato risulta in un Comune che ha deciso di alzare l'aliquota oltre il 4 per mille, il proprietario dovrà versare il saldo relativo all'eccedenza d'aliquota. Per sapere se il tuo Comune rientra tra quelli che hanno alzato l'aliquota oltre il 4 per mille, basta andare sul sito del Ministero delle Finanze e cercare la situazione relativa al proprio interesse.

Quindi, per poter effettuare il calcolo di quanto versare, bisogna sapere, oltre all'aliquota IMU del proprio Comune, la base imponibile (Rendita Catastale rivalutata al 5% x 160 - coefficiete fisso abitazione principale - all'importo che ne risulta bisogna aggiungere oltre all'aliquota 4 per mille anche quella decisa dal proprio Comune. Per chi vi rientra, togliere le eventuali detrazioni previste: prima casa, figli minori ecc). Calcolare poi la differenza tra l'aliquota IMU rialzata dal proprio Comune e quella normale del 4 per mille e l'interessato dovrà pagare esattamente la differenza al 40%.

Tassa mini IMU 2013-2014 prima casa: scadenza

Inizialmente fissata per il 16 gennaio 2014, la data di versamento della mini IMU è stata spostata per il 24 gennaio 2014. E' utile ricordare che agli interessati non arriverà alcun bollettino da parte dei Comuni, ma dovranno essere gli interessati stessi, tramite i CAF o altri, a provvedere a tal proposito.

I migliori video del giorno

Tassa mini IMU 2013-2014 prima casa: modello F24

Per poter effettuare il pagamento della mini IMU 2013-2014, bisogna usare il modello F 24, quindi versare la somma dovuta tramite sportello bancario o postale. Come spiegato all'inizio, non bisogna aspettarsi un recapito a domicilio di bollettini prestampati, inviati dal proprio Comune. Pertanto, tutti i diretti interessati dovranno attivarsi personalmente per eseguire tali pagamenti, e, nota bene, anche per somme di modesta entità.