Il 2014 sarà ricordato come l'anno delle imminenti scadenze fiscali: mini imu entro il 24 gennaio, 16 le nuove imposte (#imu, Tasi e Tari) inglobate nella Iuc, e probabilmente anche lo spesometro.

L'Imu sulla prima casa sarà corrisposta solo dai proprietari di abitazioni "signorili", di ville e di palazzi di rilevanza storico-artistica (in pratica quelle incluse nelle categoria A/1, A/8, e A/9), mentre tutte le altre case – che risultano essere prime abitazioni - saranno esenti. Si pone a tal punto il problema se alcune delle case in proprietà ad uno stesso soggetto, ma date in comodato d'uso ai propri figli, possano essere considerate "prime abitazioni" e, quindi, esenti dal pagamento dell'imposta Imu.

L'art. 2 bis del D.L. 102/13, convertito con la L. 124/2013, stabilisce che:

  • "per il 2013, esclusivamente con riferimento alla seconda rata "Imu", i Comuni hanno facoltà di equiparare alla casa principale, ai fini dell'applicazione dell'imposta Imu, le unità immobiliari che non rientrano nelle classi A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato d'uso ai "figli", o meglio ai parenti in linea retta di primo grado, purché questi ultimi le usino come abitazione principale".

Tuttavia, è bene considerare la disposizione normativa "al singolare": infatti se il soggetto passivo dell'imposta Imu, è proprietario di più abitazioni, alcune delle quali concesse in comodato d'uso ad esempio ognuna ad un figlio, soltanto limitatamente ad una abitazione di queste può beneficiare dell'agevolazione.

I migliori video del giorno

Ora che bisognerà corrispondere anche la mini Imu entro il 24 gennaio 2014, questa disposizione si estende anche alla suddetta mini imposta.

Altra importante specificazione da fare è che la norma di cui sopra, demanda ai Comuni la facoltà di applicare questa agevolazione fiscale, definendo criteri e modalità, come ad esempio, ma non necessariamente, attraverso la fissazione del limite della situazione economica equivalente (ISEE) per poter beneficiare dell'agevolazione.

Pertanto, chiunque dovrà pagare entro il 24 gennaio la mini Imu, atteso che rientrano anche molte prime abitazioni situate in uno dei quasi 2.400 Comuni dove si pagherà la mini imposta, è bene prendere visione della relativa delibera comunale, e selezionare la voce "Abitazione principale e pertinenze" relativamente a quell'abitazione data in comodato d'uso, ricordando sempre che in caso di più abitazioni concesse in comodato si potrà beneficiare solo per una di esse.