Si avvicina la scadenza del CUD 2014, o modello di certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente che riguarda tutti coloro i quali percepiscono redditi da lavoro dipendente (o assimilati come nel caso delle pensioni). Le istruzioni Cud 2014 relative alla compilazione del modello sono disponibili in forma dettagliata sul sito dell'Agenzia delle Entrate cui rimandiamo per eventuali dubbi.



Scadenza Cud 2014

La scadenza del Cud 2014 è fissata al 28 febbraio 2014, data entro la quale dovranno essere rilasciati i certificati relativi al 2013. Oltre alla scadenza del Cud 2014 prevista per venerdì 28, il modello Cud va presentato anche entro 12 giorni dalla presentazione della domanda del dipendente in caso di cessazione del rapporto lavorativo.

Istruzioni Cud 2014



Come sopra menzionato, le istruzioni per il Cud 2014 sono reperibili in forma dettagliata presso il sito dell'Agenzia delle Entrate, ma prima di avventurarci alla lettura di svariate pagine di istruzioni utili alla compilazione del cud 2014, sarà meglio avere un'idea del contenuto del modello.

Stando alle istruzioni Cud 2014 riportate dal sito dell'Agenzia delle Entrate il modello contiene:

  • Importo totale dei redditi percepiti da lavoratore dipendente o assimilati (pensioni) nell'anno precedente a quello di scadenza (in questo caso 2013)
  • Ritenute d'acconto
  • Detrazioni applicate
  • Redditi del 2013 che non hanno contribuito a determinare il reddito imponibile.

I lavoratori dipendenti che abbiano percepito nello scorso 2013 solo ed esclusivamente i redditi riportati nel modello Cud 2014, stando alle istruzioni dell'Agenzia delle Entrate, risulterebbero esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi presso tale agenzia.

I migliori video del giorno

In tutti gli altri casi è necessario verificare di avere diritto all'esonero.

Il modello Cud 2014 in scadenza venerdì può essere rilasciato in forma cartacea ai dipendenti che hanno cessato il rapporto di lavoro o agli eredi di questi ultimi, oppure in formato telematico (a condizione che il dipendente disponga degli strumenti necessari per ricevere e stampare il modello.

In questo caso il datore di lavoro avrà l'onere di verificare preventivamente la capacità del lavoratore dipendente di ricevere messaggi di posta elettronica.