Il disegno di legge sulla Delega fiscale è stato approvato dal Senato e adesso torna alla Camera per la ratifica finale: il cuore del testo è rappresentato dai decreti delegati, attorno ai quali il governo ha già assicurato un ampio dibattito in sede parlamentare.



Numerose le previsioni contenute nella Delega fiscale, su tutte quelle in tema di detrazioni fiscali 2014 e quelle concernenti la Riforma del Catasto. Estremamente spinosa in particolare la prima delle due questioni: in ballo ci sono oltre 700 tipologie di Detrazioni fiscali differenti, e il governo italiano è chiamato a tagliarle anche in considerazione dei richiami mossi dal fondo monetario internazionale.





L’altro punto, quello riguardante la Riforma del Catasto, ha invece notevolmente inciso sul calcolo da doversi effettuare per stimare il valore degli immobili. Facciamo allora il punto su Detrazioni fiscali 2014 e Riforma del Catasto, evidenziando cosa cambia con l’approvazione della Delega fiscale.

Detrazioni fiscali 2014: il governo taglierà, la Delega fiscale incide anche sull’assetto del sistema tributario

Quello del riordino delle detrazioni fiscali 2014 è un punto estremamente delicato: la Legge di stabilità prevedeva un taglio lineare che sarebbe entrato in vigore alla fine di gennaio a meno di un diverso pronunciamento da parte del governo. Il pronunciamento differito è arrivato, e il governo ha stabilito che ogni nuova previsione a riguardo sarebbe stata fatta confluire all’interno della Delega fiscale. Per avere un quadro preciso bisognerà attendere la discussione alla Camera, ma quel che è certo è che l’Italia dovrà tagliare le detrazioni fiscali 2014; esistono infatti oltre 700 tipologie di sconti differenti, e lo stesso Fmi ha sollecitato in passato le nostre istituzioni a limarle.



La Delega fiscale inciderà anche sull’intero assetto del sistema tributario; l’idea sarebbe quella di aggiornarlo rafforzando in particolare il fronte relativo alla tutela e salvaguardia dei diritti dei contribuenti. In questo solco si inserisce ad esempio l’avvio del nuovo servizio telematico annunciato ieri da Equitalia e grazie al quale il fenomeno dei pagamenti non dovuti decadrà del tutto.

Lotta all’evasione fiscale e razionalizzazione dell’Iva completano il quadro degli interventi di cui  la Delega Fiscale si occupa in via prioritaria.

Riforma del Catasto: la Delega Fiscale modificherà il calcolo del valore degli immobili, ecco come

Il cuore pulsante della Delega fiscale è tuttavia rappresentato dalla Riforma del Catasto, che andrà attuata entro un anno; la più grande novità è costituita dal fatto che il valore catastale degli immobili non verrà più calcolato sulla base del numero di vani degli stessi essendo bensì parametrato ai metri quadrati.



Come diretta conseguenza, la rendita catastale finale - la quale incide a sua volta sul valore di mercato dell’immobile - sarà determinata sulla base di una rinnovata formula matematica che terrà conto di più variabili. Come già anticipato, tutto sarà più chiaro dopo il passaggio del testo della Delega fiscale alla Camera.



Il capitolo connesso alla fiscalità in questo 2014 continua dunque ad arricchirsi di nuovi e particolari spunti; insieme a quelli già menzionati in precedenza non  possiamo non tenere in conto le nuove previsioni in tema di lotta all’evasione fiscale e controllo dei conti correnti, tutti fronti in riferimento ai quali Agenzia delle Entrate, Fisco e Gdf collaboreranno all’unisono.