Come ben sapete il regime dei contribuenti minimi per la partita IVA è un regime dove il contribuente svolge un attività che può avere massimo un fatturato non superiore ai 30.000 euro circa. In questo regime (a prima occhiata) ci sono svariati vantaggi quali:

  • No iva da versare
  • No registro IVA
  • tassa irpef del 25% fissa
  • inps in gestione separata

Tutto questo però è un vantaggio finché non si superano i 30.000 euro di fatturato (e non di reddito), infatti una volta superato questa cifra, si rischia di pagare assai di più. Vi spiego di seguito quello che vi può accadere.

Se arrivate a 35.000 euro allora il danno è marginale poiché potete chiedere di farvi rimanere nell'anno in cui avete superato i 30.000 euro nel regime dei minimi.

Se invece superate i 35.000 euro sono dolori. Superati i 35.000 euro di fatturato si esce definitivamente dai minimi nell'anno in cui si è superato lo scaglione dei 30.000 euro. Che significa questo? Significa:

  • Irpef non è più al 25% fisso ma varia a seconda del reddito
  • Devi pagare l'Iva che non hai mai ricevuto dalle tue vendite! Ebbene sì, dovrete far finta di aver ricevuto Iva mai incassata e dovrete pagarla.
  • Dovrete pagare al solito l'inps.

Questo vuol dire che se per esempio avete avuto, come può succedere, un fatturato di 37.000 euro ed una spesa di 27.000 euro per un reddito quindi di 10.000 euro, dovrete pagare l'Iva sui 37.000 euro che non avete mai ricevuto per un totale solo di iva di: 8140 euro, dovrete pagare l'irpef su 10000 euro che sarà tipo 2000 euro, e infine dovrete pagare l'INPS che se vi va bene sarà del 29% al netto dell'Inps che quindi su 8000 euro (10000-2000 di irpef) sarà di 2320 euro, per una spesa totale di circa 12500 euro! Più ovviamente il commercialista (metteteci 1000 euro).

I migliori video del giorno

Quindi grazie al regime agevolato dei contribuenti minimi in un anno sarete andati sotto di ben avrete guadagnato 10.000 euro e spesi 13.400 euro in tasse! Concludendo tenete sempre sotto controllo la situazione contabile sempre perché lo Stato non tutela assolutamente nessuno, specie i giovani, che per la prima volta si affacciano su questo mondo.