Scaduto il primo termine di invio dati attinenti lo Spesometro 2014 e riguardante i soli soggetti che liquidano l’IVA mensilmente, scatta ufficialmente il conto alla rovescia per tutte le altre tipologie di contribuenti, con la nuova deadline da tenere a mente fissata al 22 aprile 2014.



In merito a questa seconda scadenza attinente lo Spesometro 2014 precisiamo subito come ci sia stata una variazione in corso d’opera: l’iniziale termine preventivato era il 20 aprile 2014, ma l’amministrazione finanziaria ha optato per un rinvio in considerazione del fatto che la deadline coincideva col festivo domenicale.



Cosa fare dunque per inviare i dati attinenti lo Spesometro 2014 e soprattutto come verificarne la correttezza senza temere di incappare in errori o richiami da parte dell’amministrazione finanziaria? Cerchiamo di rispondere ai due quesiti dando anche un’occhiata ad alcune istruzioni e precisazioni diffuse dall’Agenzia delle Entrate.



Spesometro 2014: istruzioni Agenzia delle Entrate e invio dati



Come accennato, i termini per l’invio dati dello Spesometro 2014 attinenti i soggetti che liquidino mensilmente l’IVA sono scaduti (la deadline era fissata al 10 aprile 2014); l’attenzione si sposta adesso sulle restanti tipologie di contribuenti, chiamati ad effettuare l’invio dati per lo Spesometro 2014 entro il 22 aprile prossimo.



A tal proposito, vi invitiamo sin da subito a consultare il portale dell’Agenzia delle Entrate che riporta con precisione ed esattezza tutte le istruzioni del caso; la struttura del sito non è tuttavia delle più intuitive, ecco dunque il percorso online da dover seguire per accedere alla sezione concernente lo Spesometro 2014: ‘http://www.agenziaentrate.gov.it’ - 'Cosa devi fare' - 'Comunicare Dati' - 'Comunicazioni Operatori Finanziari' - 'Spesometro'.



L’invio dati attinenti lo Spesometro 2014 può essere effettuato esclusivamente per via telematica; dopo essersi collegati al sito, il consiglio è quello di servirsi del software per la compilazione dello Spesometro messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Al termine della compilazione è poi opportuno accedere alla pagina ‘Procedura di controllo’ attiva sul sito, dove sarà possibile individuare eventuali errori nella comunicazione dei dati.



Del resto è lo stesso portale dell’Agenzia a sottolineare che ‘per compilare e trasmettere telematicamente all'Agenzia delle Entrate dichiarazioni, modelli, richieste, comunicazioni o anche effettuare versamenti, è possibile utilizzare i software di compilazione e i software di controllo messi a disposizione dall'Agenzia o reperibili sul mercato (solo per i software di compilazione), e procedere alla predisposizione, verifica ed invio del file creato.’



Dopo aver verificato la corretta compilazione dello Spesometro 2014, sarà possibile accedere alla sezione ‘Servizi Telematici’ del sito ed autenticare il documento. A questo punto si potrà procedere alla comunicazione dati concernente lo stesso Spesometro 2014.

Spesometro 2014: proroga da escludersi



Nei giorni scorsi si era parlato di una possibile proroga attinente l’invio dei dati per lo Spesometro 2014, ma considerate la scadenza del primo termine di invio - ribadiamo, quello riservato ai soli soggetti che liquidino mensilmente l’IVA - e la mancata risposta da parte della stessa Agenzia delle Entrate l’ipotesi a questo punto va del tutto scartata.



#Dichiarazione dei redditi