Ancora una volta il tanto "odiato" #Canone Rai finisce al centro delle polemiche. In queste ore, infatti, non si fa altro che parlare del Canone Rai speciale 2014 che sta suscitando un vespaio di polemiche. Vediamo nel dettaglio chi sono le persone soggette al pagamento del canone Rai speciale 2014 e a quanto ammonta la cifra da versare nelle casse della tv di Stato.

Canone Rai 2014 speciale: ecco chi deve pagare e quanto

Le persone che sono al momento soggette al pagamento del canone Rai 2014 speciale sono tutti i liberi professionisti che intrattengono la loro clientela all'interno di centri privati con la televisione.

Coloro che in queste ore sono "scesi in campo" per lamentarsi contro la richiesta di pagamento del canone Rai speciale sono in particolare: possessori di partite Iva, pubblici esercizi e aziende iscritte alle Camere di commercio.

In questi giorni sono stati recapitati delle lettere da parte di mamma Rai a coloro che dovrebbero essere interessati dal pagamento della tassa speciale: tuttavia nella lettera viene specificato che il versamento dovrà essere effettuato solo quando ci saranno i presupposti necessari. Non a caso nella lettera inviata dalla Rai viene specificato chiaramente che si tratta di "comunicazioni informative prive di connotati precettivi o intimativi, nelle quali si descrive con chiarezza il presupposto dell'obbligazione di pagamento".

Ma a quanto ammonta la cifra da pagare per il Canone Rai 2014 speciale? Ebbene la cifra da versare è di ben 407.35 euro.

I migliori video del giorno

Una cifra che di questi tempi non passa certo inosservata, visto soprattutto il periodo di "vacca magra" che sta attraversando il Paese.

Canone Rai 2014 speciale: polemiche sul web

Le associazioni di categoria ritengono che di fronte al taglio di ben 150 milioni di euro effettuato dal governo Renzi alle casse di mamma Rai, in queste ore la tv di Stato si trovi in serie difficoltà e quindi per questo ha deciso di "ricorrere" ai liberi professionisti e ai lavoratori autonomi.

Sul web come vi dicevamo non si placano le polemiche per questa tassa che potrebbe rovinare le vacanze estive di milioni di Italiani e così i diretti interessati chiedono l'intervento delle forze politiche.