Dopo il pagamento della Tasi e dell'Imu arriva il tempo di effettuare il pagamento della Tari, la tassa sui rifiuti, in diverse città italiane. Nel dettaglio, vediamo quanto e come si dovrà pagare la Tari nelle città di Roma, Milano, Torino e Genova.

Città di Roma: La Tari nella capitale subirà, quest'anno, un aumento del 4 percento rispetto a quanto si è pagato per la spazzatura nel 2013 (si chiamava Tares), con un aumento di 17 euro sulla tariffa massima. Le agevolazioni, di contro, diminuiscono; si passa da 25 milioni del 2013 ai 12 dell'anno in corso.

Città di Milano: questa tassa si pagherà entro il 16 settembre e il 30 novembre 2014.

Il comune provvederà a spedire i bollettini per il pagamento direttamente nelle case dei cittadini. Facciamo qualche esempio su quanto pagare per la nuova tassa. Un single che vive in una casa di 50 mq pagherà 126,96 euro, circa due euro in meno rispetto allo scorso anno; una famiglia di tre persone in 80 mq pagherà 266,62, tre euro in meno rispetto allo scorso anno. Per tutte le famiglie composte da 4 persone o più in un abitazione non superiore a 120 mq è previsto uno sconto del 25 percento. Sono, infine, previste delle agevolazioni per le scuole paritarie, per gli alberghi e per alcune attività commerciali come ortofrutta, pizza al taglio, pasticcerie e bar.

Città di Torino: per tutte le famiglie con un reddito ISEE inferiore a 24mila euro, è previsto uno sconto sull'imposta tra il 25 e il 50 percento.

I migliori video del giorno

Questa attestazione dovrà essere presentata entro il 18 luglio 2014. Nel dettaglio, con attestazione ISEE tra 17 e 24mila euro sconto del 25 percento, tra 13 e 17mila euro sconto del 35 percento, al di sotto di 13mila euro sconto del 50 percento.

Città di Genova: la scadenza in questa città è prevista per il 31 ottobre 2014. Il totale del costo per questa imposta è di 125 milioni di euro, 4 milioni in più rispetto all'anno scorso. Il 55 percento sarà per le utenze domestiche mentre il 45 percento per quelle non domestiche. Le utenze domestiche potranno essere pagate in quattro rate con queste scadenze: 30 settembre 2014, 01 dicembre 2014, 31 gennaio 2015, 28 febbraio 2015.