Tasi 2014 su Milano: l'aliquota su prima casa al 2,5 per mille, detrazioni da 115 euro a 24 euro, importi per chi è in affitto al 10%. Ecco come calcolare la #Tasi 2014 per la prima casa, l'#imu e la Tari per la seconda casa. Si ricorda che anche l'inquilino paga la sua quota di Tasi. La scadenza della prima rata Tasi 2014 è fissata nel 16 ottobre 2014; la seconda rata al 16 dicembre. Il contribuente può comunque decidere di pagare in un'unica soluzione l'intero importo dovuto, tramite bollettino postale o modello F24. La Tari per la seconda casa deve essere corrisposta con il bollettino inviato dal Comune di Milano. Non tutti, però, devono corrispondere la Tasi 2014. Prevista anche un operazione di rimborso per chi ha già corrisposto l'importo Tasi 2014 e non soggetto al pagamento dell'imposta.

Tasi 2014 Milano prima e seconda casa: aliquote

Il Comune di Milano ha stabilito al 2,5 per mille l'aliquota per la prima casa e relative pertinenze. Aliquota dell'11,4 per mille su seconda casa e immobili, terreni, negozi, uffici, capannoni e aziende. Stabilita un'aliquota dello 0,8 per mille per immobili di categoria catastale A1, A8, A9, C2, C6, C7 se pertinenziali. Prima di effettuare il calcolo della Tasi 2014 è necessario conoscere il coefficiente immobile della propria abitazione e per la quale si deve corrispondere l'importo:



CATEGORIA CATASTALE

COEFFICIENTE
C/2, C/6 e C/7 (esclusa A/10) 160
C/3, C/4 e C/5 140
D/5 80
A/10 80
gruppo D escluso D/5

65
C/1 55.

Tasi 2014 Milano: come si calcolano le detrazioni?

Il comune di Milano ha stabilito detrazioni per la prima casa da 24 euro a 115 euro, in base a scaglioni come riportato nella tabella sottostante: (si ricorda che chi è in affitto paga la Tasi 2014 su percentuale del 10% dell'importo, mentre il restante 90% è dovuto al proprietario dell'immobile. Non pagano la Tasi 2014 sul comune di Milano gli inquilini di case popolari Aler e Erp. Il Comune di Milano ha anche disposto un eventuale rimborso per coloro che abbiano già versato l'imposta non dovuta). Si ricorda inoltre che alla voce detrazioni, i contribuenti che non superano un reddito di 21.000 euro possono aggiungere le detrazioni per i figli a carico fino a 26 anni per una quota fino a 20 euro per figlio.



RENDITA CATASTALE

REDDITO DETRAZIONE
fino a 300 euro

- 115 euro +

figli a carico

fino a 350

-

112 euro +

figli a carico

da 350,01 a 400 euro fino a 21.000 euro

fino a 99 euro +

figli a carico

da 400,01 a 450 euro -

87 euro

fino a 500 euro -

74 euro

da 500,01a 550 euro -

61 euro

da 550,01 a 600 euro -

49 euro

tra 600,01 e 700 euro -

24 euro.