imu e Tasi 2014, la scadenza della seconda rata (il saldo) si avvicina: a pochissima distanza dalle batoste pre e post estive, torna l'appuntamento con le tasse sulla casa più odiate dagli italiani: ecco quando pagare Imu e Tasi e chi deve effettuare il pagamento del saldo insieme alle altre scadenze fiscali di dicembre. Cos'è l'Imu? Cos'è la Tasi? Per quanti hanno la memoria corta forse è il caso di fare un ripasso anche per capire le differenze tra Imu e Tasi. Senza andare in tecnicismi di poco interesse, basti dire che entrambe le imposte colpiscono principalmente i proprietari d'immobili con la differenza che mentre con la riforma sono stati esentati dal pagamento dell'Imu i proprietari di prime case (che però dovranno corrispondere la tassa sugli altri immobili), con la Tasi i proprietari dovranno pagare anche per la prima casa.

Veniamo ora a parlare della scadenza di Imu e Tasi 2014, e di quando bisogna pagare. A differenza della prima rata, l'acconto, che per la Tasi in molti casi ha previsto scadenze differenziate a seconda dei comuni, la scadenza Tasi a Roma, Milano, Firenze, Napoli, Torino e tutti gli altri comuni italiani sarà la medesima La seconda rata per Imu e Tasi si paga a dicembre e la scadenza fissata è la stessa per ambedue le imposte, per una stangata assicurata proprio in pieno periodo natalizio. La scadenza di Imu e Tasi 2014 per la seconda rata o saldo annuale è fissata infatti al prossimo 16 dicembre.

Chi deve pagare Imu e Tasi 2014?

Chiarita la scadenza per Imu e Tasi vediamo chi deve pagare. I soggetti interessati al pagamento delle due imposte sono principalmente i proprietari di immobili, tuttavia con le dovute differenze e precisazioni.

I migliori video del giorno

Devono pagare l'imu 2014 i proprietari di

  • Prime case di lusso (A1, A8 e A9)
  • seconde case
  • immobili in affitto

devono pagare la Tasi 2014

  • proprietari di prime e seconde case
  • inquilini in affitto (se previsto nella delibera comunale)

A pagare la Tasi in molti casi saranno dunque anche gli inquilini in affitto. La discrezionalità del se e del quanto in questo caso spetta ai comuni che hanno avuto facoltà di stabilire tra l'altro, se anche gli inquilini dovessero partecipare al pagamento e in che quota (comunque variabile tra il 10 e 30%).

Imu e Tasi 2014, dal 2015 addio: arriva la nuova Local Tax

Tasi e Imu rimangono tra le tasse sulla casa più odiate che quest'anno lasceranno un ricordo ancora più spiacevole agli italiani. Tuttavia dall'anno prossimo le cose potrebbero cambiare e Imu e Tasi potrebbero essere abolite in virtù di una nuova tassa sulla casa chiamata local Tax 2015. Se desiderate rimanere aggiornanti sull'argomento di Imu e Tasi 2014 seconda rata, vi invitiamo a cliccare il tasto "Segui" in alto.