E’ giunto il momento di pensare al Canone Rai 2015, la quota fissa per la tv che ogni anno gli italiani versano al servizio pubblico. Quanto si pagherà l’anno prossimo? La Legge di Stabilità, fra le varie situazioni disciplinate, ha anche fissato l’importo standard per pagamento del canone televisivo. Sono tante le ipotesi che sono circolate nelle ultime settimane fra cui anche quella di un caricamento della tassa sulla bolletta della luce elettrica. Ipotesi, questa, che è sfumata successivamente perché la materia si è dimostrata più complessa di quanto potesse apparire e il rischio di un’imposizione illegittima era più che palese. Per questo motivo, nell’attesa di riorganizzare sistematicamente la legislazione sul tema, l’esecutivo ha scelto una soluzione di continuità con il 2014, lasciando le cose sostanzialmente invariate.

Canone Rai tv 2015, pagamento abbonamento televisione a gennaio

Il Canone Rai 2015 resterà invariato rispetto all’anno corrente: il pagamento da effettuare per l’abbonamento alla televisione pubblica ammonta dunque a 113,50 euro. La misura è stata introdotta dal maxi-emendamento presentato dal governo Renzi alla Legge di Stabilità: una scelta, questa, che ha accantonato tutte le altre ipotesi precedentemente vagliate dal Parlamento. Da anni, infatti, si discute di modificare le modalità di riscossione essendo il canone tv, notoriamente esposto ad un’evasione piuttosto alta. Questo mentre da più parti, fra l’altro, si dibatte sull’inutilità del prelievo, essendo orma divenuta la Rai una vera e propria televisione commerciale come i concorrenti. E’ l’eterna diatriba ch ruota attorno al canone tv Rai da tempo e che prima o poi troverà una soluzione: il governo, infatti, ha lasciato intendere di voler per ora rimandare tutto ad una ridefinizione organica dell’intera legislazione del sistema radio-televisivo italiano.

I migliori video del giorno

Intanto, nel dubbio che riguarda il futuro che sarà, a partire da gennaio 2015 i contribuenti italiani saranno in coda per pagare l’abbonamento per la televisione: la Rai ringrazia e continua ad incassare, nonostante in Viale Mazzini i conti non siano proprio floridi. Anche per questo il premier Renzi ha più volte lasciato intendere di voler mettere mano anche alla tv pubblica: lo farà davvero?