È in arrivo la scadenza del saldo Tasi 2014 e in tema di esenzioni tutti i contribuenti iniziano a porsi qualche interrogativo: dovrò per forza pagare? Esistono dei casi particolari per non farlo? Come posso fare per evitare il versamento? In realtà, sebbene si tratti di casi estremamente limitati, le esenzioni Tasi 2014 per non pagare esistono, vediamo quali sono. Come sicuramente alcuni sapranno la Tasi 2014 è un'imposta che per larga parte attiene alla discrezionalità dei comuni che hanno il compito di decretare aliquote, riduzioni, soggetti destinatari e scadenze. Malgrado le disposizioni nazionali infatti, sono sempre i comuni ad avere l'ultima parola su molte cose, e una di queste e proprio decidere chi è esente e chi no.

Per verificare se si è esenti dal pagamento della Tasi 2014 è quindi necessario verificare le disposizioni della delibera relativa del comune di appartenenza: talvolta capita infatti, che il comune abbia decretato l'esenzione Tasi completa, oppure per le seconde e terze case, e talvolta di rendere esenti dal pagamento Tasi 2014 gli inquilini, normalmente chiamati a versare una quota variabile tra il 10 e il 30% dell'imposta. Ad esempio, non si deve pagare la Tasi 2014 sulla prima casa nei comuni di San Lorenzo, Belizzi, Trieste, Catanzaro, Positano, Casacalenda, Campobasso, Firenze, Palermo e Perugia. Esenzioni Tasi 2014 per il pagamento della quota inquilini sono invece state previste nei comuni di Catanzaro, Firenze, Campobasso, Perugia e Trieste, dove comunque però rimane attiva la quota da pagare in capo al proprietario dell'immobile.

I migliori video del giorno

Malgrado ciò esistono delle esenzioni Tasi 2014 anche a livello nazionale, inserite nella delibera che ha istituito la tassa sui servizi. Tra chi è esente dal pagamento Tasi 2014 troviamo in primo luogo la Chiesa, che non deve pagare la Tasi su tutti gli immobili destinati all'esercizio del culto. Tra chi non deve pagare la Tasi 2014 ci sono poi anche le società no profit, e cioè quelle che non hanno per oggetto esclusivo o principale, alcuna finalità commerciale. Le esenzioni Tasi 2014 riguardano poi anche i terreni agricoli, su cui va corrisposta l'Imu ma non anche la Tasi, sebbene questa sia comunque una disposizione che in taluni casi può essere derogata dalle delibere dei comuni.