Grazie alle Riforme di Matteo Renzi giungono novità anche per il #Bollo auto, tassa che dovrà essere versata entro il mese seguente alla data di scadenza, specificata nella ricevuta di pagamento e che vede implicate tutte le persone che possiedono un veicolo. In quest'articolo cercheremo di rendervi chiari alcuni punti su come calcolare il bollo, possibili sanzioni, quando si paga, quand'è la scadenza, quali sono i sistemi di pagamento, quali sono i casi di esenzione o di riduzione.

Bollo Auto 2015: come si calcola e sanzioni

Per conoscere esattamente la somma da versare basterà collegarsi ai portali online dell'ACI e dell'Agenzia dell'Entrate e optare tra due differenti procedure, ovvero calcolare il bollo a seconda della targa del veicolo oppure calcolare il bollo a seconda dei Kw o dei CV. Si tiene presente che il software è in grado di definire ipotetiche sanzioni e more. Elenchiamo ora le scadenze e quando si paga il Bollo Auto 2015:
  • Se la scadenza avviene nel mese di dicembre 2014, si dovrà versare dal 1 gennaio 2015 al 2 febbraio 2015.

  • Nel caso che la scadenza sia nel mese di gennaio 2015, si dovrà pagare dal 1 febbraio 2015 al 2 marzo 2015.

  • Qualora la scadenza avvenga nel mese di aprile 2015, si dovrà versare dal 1 maggio 2015 al 1 giugno 2015.

  • Se mai la scadenza si verifica nel mese di maggio 2015, si dovrà pagare dal 1 giugno 2015 al 30 giugno 2015.

  • Nell'eventualità che la scadenza capiti nel mese di luglio 2015, si dovrà versare dal 1 agosto 2015 al 31 agosto 2015.

  • Nell'evenienza che la scadenza giunga nel mese di agosto 2015, si dovrà pagare dal 1 settembre 2015 al 30 settembre 2015.

  • A condizione che la scadenza arrivi nel mese di settembre 2015, si dovrà versare dal 1 ottobre 2015 al 2 novembre 2015.

  • A patto che la scadenza si compia nel mese di dicembre 2015, si dovrà pagare dal 1 gennaio 2016 al 1 febbraio 2016. #agenzia delle entrate

Il versamento del Bollo Auto 2015 può essere eseguito tramite la posta, l'ACI, i tabacchini competenti, le agenzie pratiche auto autorizzate, gli istituti bancari. Le Regioni Lazio, Veneto, Lombardia, Puglia e Campania, per favorire i possessori delle auto ibride hanno fatto in modo che siano esentati dal bollo per i primi tre anni successivamente l'immatricolazione. Inoltre vi sarà una riduzione del bollo per le auto a metano e GPL. L'esenzione del bollo sarà a favore anche per le auto storiche e per le auto che trasportano disabili.  Per altre informazioni si consiglia di collegarsi sul portale online dell'Agenzia dell'Entrate o dell'ACI.