Sono ormai diversi giorni che è possibile scaricare il proprio modello 730 precompilato dal sito internet dell'Agenzia delle Entrate oppure dalla pagina web dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS). A partire da venerdì primo maggio potremo essere parte attiva nella compilazione del nuovo modello collegandoci in rete e apportando, se necessario, modifiche e/o integrazioni a quanto riportato nella nostra dichiarazione. Scaricato il modello precompilato, nella prima pagina avremo la possibilità di controllare la correttezza dei nostri dati anagrafici oltre a quelli del coniuge e dei familiari a carico.

Vediamo, in dettaglio, come si compila il #modello 730 precompilato

Passando al Quadro A, potremo verificare i redditi riferiti ai terreni, nel Quadro B, i redditi dei fabbricati, nel Quadro C sono evidenziati i redditi da lavoro dipendente, mentre nel Quadro D sono riportati gli altri redditi.

Al successivo Quadro E dovremo riportare tutte le spese che dobbiamo portare in detrazione. Queste spese possono essere quelle sanitarie, quelle funebri, le spese per l'iscrizione agli asili nido, per i corsi di istruzione secondaria e per l'università. Può essere detratto anche l'importo relativo agli interessi passivi sui mutui relativi alla prima abitazione ma anche le spese sostenute per l'attività fisica dei figli. Per avere una panoramica completa delle spese da inserire nel Quadro E è possibile visitare il sito dell'Agenzia delle Entrate, oppure il sito dell'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS).

Per completare la dichiarazione si passa al Quadro F, spazio destinato agli acconti e alle ritenute; nel Quadro G si devono inserire i crediti d'imposta e infine, il Quadro I destinato ai contribuenti che vogliono utilizzare i crediti d'imposta per il pagamento delle altre imposte.

I migliori video del giorno

Ricordiamo che il modello 730 precompilato, una volta apportate tutte le modifiche e le varianti necessarie, dovrà essere inviato, telematicamente, all'Agenzia delle Entrate entro il 7 luglio 2015. #Dichiarazione dei redditi