Il prossimo mese di giugno i contribuenti italiani verseranno gli acconti delle imposte Tasi ed Imu in base alle aliquote che i Comuni delibereranno per l'anno 2015. Nel caso in cui non saranno deliberate in tempo utile gli stessi saranno tenuti a versare gli acconti in funzione delle aliquote previste dai Comuni nel 2014. Questa regola è stata ricordata dall'Ifel, la fondazione dell'Associazione dei Comuni d'Italia (ANCI); essa ha anche specificato che la Conferenza Stato Città ha stabilito lo slittamento della scadenza per la delibera dei bilanci preventivi da parte dei Comuni al 30 luglio.

Lo slittamento per la delibera dei bilanci preventivi è stato fissato per la fine di luglio

Quindi il nuovo termine è stato fissato per la fine di luglio, ben oltre la scadenza per il pagamento dell'acconto #Tasi ed #imu, che la legge fissa al 16 giugno.

Questa particolare situazione non provocherà alcuna incertezza negli adempimenti per i contribuenti dato che la normativa prevede che il pagamento degli acconti dovrà essere effettuato sulla base dell'aliquota prevista nei dodici mesi precedenti.

I contribuenti saranno in regola solamente se verseranno l'acconto previsto entro il 16 giugno

Questo significa che i contribuenti saranno in regola se verseranno gli acconti delle due imposte entro la data del 16 giugno, considerando aliquote e detrazioni stabilite dai Comuni per l'anno 2014 (é possibile verificare i dati sul sito del Ministero dell'Economia). Successivamente sarà effettuato il conguaglio previsto al momento del saldo sulla base delle nuove aliquote, le quali dovranno essere pubblicate sul sito del Mef, entro il 28 ottobre 2015.

I migliori video del giorno

Per avere maggiori dettagli ed informazioni sulle imposte Tasi ed Imu che dovranno essere versate per l'anno in corso è consigliabile visitare il sito web del proprio comune di residenza facendo particolare attenzione alle aliquote di riferimento in base alle quali saranno determinati gli importi da pagare. Ricordiamo che le imposte Imu e Tasi verranno prossimamente sostituite da un'unica tassa, la Local Tax