Arriva la doccia fredda per tutti i contribuenti: i Comuni non sono pronti ad inviare ai cittadini i bollettini premarcati per effettuare il pagamento di quanto dovuto per la #Tasi (Tassa sui Servizi Indivisibili), secondo quanto comunicato sul sito internet leggioggi.it. Gli Enti locali, in base a quanto previsto dalla normativa in vigore, hanno l'obbligo di inviare i bollettini in questione ma non hanno le risorse sufficienti per adempiere alla legge in vigore. Di certo, c'è che la scadenza della prima rata in acconto è stata fissata al 16 giugno 2015. Poi, il 16 dicembre prossimo, il pagamento del saldo.

La maggior parte dei Comuni non hanno le risorse necessarie per adempiere a quanto previsto dalla normativa in vigore

Così, ad un mese di distanza dal primo versamento, la maggior parte dei Comuni non hanno la possibilità di adempiere alla norma stabilita dalla precedente finanziaria del 2013, approvata dal governo Letta, nella quale veniva istituita la Tasi che sostitutiva l'Imu sulla prima casa.

Ad 'alleviare' parzialmente i Comuni dall'obbligo di inviare i bollettini era giunto, il 23 maggio 2014, un decreto ministeriale e, successivamente la legge 89 del 2014, la quale specificava che l'invio era opzionale, cioè solo su richiesta dell'interessato. Questo per quanto riguarda la legge in vigore. In realtà, come più volte evidenziato da diverse associazioni del settore, è praticamente impossibile conoscere i soggetti passivi dato che i Comuni non riescono ad entrare completamente negli archivi catastali.

Tutto questo è anche colpa della politica che cerca di rendere tutto più semplice avendo, però, strutture obsolete

Un altra di quelle idee che nasce per semplificare la vita dei contribuenti ma che va contro gli strumenti che si hanno a disposizione. Colpa, ovviamente, della politica che vorrebbe rendere tutto più semplice avendo a che fare, però, con le strutture obsolete. A questo punto non ci resta che prendere la calcolatrice, oppure andare da un nostro amico commercialista, per conoscere quale sarà l'importo da pagare per quest'anno.