Sono ormai vicine le scadenze fiscali di giugno e luglio 2015 e, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, la cifra che l'Erario si appresta ad incassare nei due mesi più caldi dell'anno ammonta a circa 90 miliardi. Di questi, quasi 12,5 miliardi verranno ricavati esclusivamente dalle tasse sulla casa #imu e #Tasi, che dal 2016 saranno definitivamente sostituite con la tanto annunciata Local Tax. A poco più di due settimane dalla scadenza della prima rata, sono però ancora tanti i Comuni che non hanno effettuato il calcolo delle aliquote Imu e Tasi 2015: in base a quanto stabilito dalla Conferenza Stato-Città, gli enti locali hanno infatti tempo fino al 30 luglio per approvare i bilanci preventivi e, di conseguenza, stabilire i nuovi livelli di tassazione.

Calcolo aliquote e scadenza Imu 2015

Con quali aliquote dovranno quindi essere versati gli acconti? Esattamente come per l'imposta sui servizi invisibili (Tasi), nel caso in cui il Comune non abbia ancora deliberato sulle aliquote Imu per il 2015, l'acconto del 50% verrà calcolato in base alle regole dello scorso anno. La scadenza della prima rata per entrambe le tasse sulla casa è fissata al 16 giugno, mentre la seconda parte della somma dovrà essere versata entro il 16 dicembre 2015. Se dopo il calcolo delle nuove aliquote Imu le cifre non dovessero corrispondere, in occasione del secondo pagamento verrà effettuato un conguaglio o un eventuale (seppur improbabile) rimborso. 

Come si pagano le rate delle tasse sulla casa

I contribuenti possono versare gli acconti di Imu e Tasi tramite modello F24, utilizzando l'home banking della propria banca, il sito internet dell'Agenzia delle Entrate o rivolgendosi direttamente ai servizi abilitati come il Caf; oppure, in alternativa, attraverso un bollettino postale precompilato, che dovrà essere completato con i dati personali e quelli dell'immobile per cui si sta effettuando il pagamento.

I migliori video del giorno

Coloro i quali dovessero versare le rate di Imu e Tasi 2015 oltre le date di scadenza, non incorreranno in penali o more eccessivamente gravose se provvederanno a saldare gli acconti delle tasse sulla casa in tempi brevi.