Riforma Pensioni, news oggi 5 agosto. Un reddito minimo garantito per le persone che hanno almeno 55 anni e che si trovano in gravi difficoltà economiche dopo aver perso il lavoro. È questa la proposta che il presidente dell'Inps, Tito Boeri, ha rilanciato ieri nel corso di un'intervista sulle pagine del quotidiano Il Mattino, parlando di un "sostegno di inclusione attiva" per quella fascia d'età che "ha registrato il maggiore incremento nell'incidenza della povertà".

Messo provvisoriamente da parte il discorso sulla pensione anticipata e la flessibilità in uscita - di cui si riparlerà ormai direttamente a settembre, dopo la pausa estiva - il presidente Boeri continua dunque a sottoporre le sue iniziative al governo, ponendo l'accento su una problematica che lui stesso definisce di una "gravità assoluta". Secondo il numero uno dell'Inps, infatti, i dati relativi all'aumento della povertà al Sud sono molto più che un semplice campanello d'allarme, e il reddito minimo deve essere un diritto garantito ai disoccupati che sono ancora lontani dalla pensione e hanno minori possibilità di trovare un lavoro.

News riforma pensioni, oggi 5 agosto: sì al reddito minimo garantito, no al reddito di cittadinanza

Boeri non entra nel merito delle cifre, per doveri di riservatezza, ma assicura che i costi sarebbero contenuti e gli aiuti verrebbero rivolti esclusivamente a chi ha davvero bisogno. "Nel formulare questa proposta - spiega il presidente dell'Inps - si terrà conto dei livelli di reddito delle famiglie, dei loro patrimoni immobiliari e mobiliari e dell’effettiva condizione di povertà dei potenziali beneficiari".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Un reddito minimo garantito che, così com'è concepito, risulta dunque molto lontano dal reddito di cittadinanza fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle. Sempre secondo Boeri, infatti, la proposta dei pentastellati "raggiungerebbe i due punti di Pil, implicherebbe trasferimenti a somma fissa e andrebbe a vantaggio anche di persone che non sono in condizioni di bisogno". L'iniziativa dell'Inps avrebbe invece costi molto inferiori e aiuterebbe soltanto chi è povero, integrando il reddito con la cifra necessaria a garantire una condizione di vita dignitosa.

Nel mese in cui circa quattro milioni di italiani hanno ricevuto il rimborso pensioni, e mentre si rincorrono le news su opzione donna e precoci, le dichiarazioni di Boeri potrebbero dunque aver aperto nuovi scenari per tutti coloro che - a pochi anni dalla pensione - sono senza lavoro e con enormi difficoltà a trovare un impiego alternativo. Resta soltanto da vedere se anche il reddito minimo garantito incontrerà l'ennesimo parere sfavorevole di chi, ad oggi, ha bocciato ogni iniziativa del piano di riforma pensioni proposto dal presidente dell'Inps.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto