Nuovo focus sul modello Unico 2015, in questo articolo tratteremo la proroga della scadenza dei termini per la presentazione del Modello Unico, che interesserà da vicino i titolari di Partita Iva. Per tutte le info continuate a leggere il testo che segue e qualora abbiate dubbi o domande non esitate a postare il vostro commento nell'apposita sezione che trovate in fondo al pezzo. 

Scadenza Modello Unico 2015, arriva l'attesa proroga

La proroga della scadenza per la presentazione del Modello Unico 2015 per i titolari di Partita Iva è stata fissata per il prossimo lunedì 6 luglio. Da oggi quindi tutti i contribuenti interessati avranno poco più di due settimane per i versamenti delle dichiarazioni fiscali. Lo stesso provvedimento, che porta la firma del capo del consiglio Matteo Renzi, era già stato adottato lo scorso anno e va a ritoccare la precedente scadenza, che era stata fissata per la data dello scorso martedì 16 giugno. 

L'identikit delle Partita Iva

Ribattezzato come il 'popolo' delle Partita Iva, queste sono le tre categorie che entro il 6 luglio dovranno presentare il Modello Unico: in regime ordinario; in regime dei vecchi minimi, in un nuovo regime forfettario. Come noto, i primi contribuenti sono soggetti agli studi di settore; i secondi hanno un'aliquota al 5 percento; i terzi un'aliquota al 15 percento. 

Cosa succede se pago dopo il 6 luglio

Per chi non riuscisse a fare la presentazione entro il nuovo termine di scadenza, potrà comunque contare su una seconda finestra, che va dal 7 luglio fino al 20 agosto, durante la quale sarà ancora possibile regolarizzare la propria posizione sebbene, a differenza della prima 'finestra', con una maggiorazione pari allo 0,4 percento dell'importo a titolo di interesse. Potrete consultare il relativo comunicato stampa collegandovi al sito mef.gov.it, da dove poi dovrete selezionare la sezione 'ufficio stampa', quindi 'comunicati', poi '2015' e infine trovate il comunicato numero 121 del 9 giugno di quest'anno. 

E per il 730?

Non meno di tre giorni fa Il Sole 24 Ore ha annunciato come sia sempre più probabile una proroga dell'invio del 730. Come sottolineato  dalla testata giornalistica, un'eventuale proroga oltre il 7 luglio, data fissata per il termine ultimo della presentazione, andrebbe inevitabilmente a far slittare l'erogazione dei rimborsi per coloro che si presenteranno in ritardo al proprio centro di assistenza fiscale di fiducia. Vale la pena inoltre ricordare che il differimento dei termine dovrebbe interessare unicamente i Caf che avranno trasmesso entro il 7 luglio l'ottanta percento delle dichiarazioni. 

Ravvedimento operoso Imu e Tasi 2015

Martedì 16 giugno era l'ultimo giorno per pagare il 50 percento – o l'intero importo tramite un unico pagamento – delle due tasse comunali. Chi non ha provveduto ad effettuare il pagamento, può compiere la procedura del Ravvedimento Operoso. Come funziona? Vi sono quattro tipologie: sprint; breve; medio; lungo. A tutti e 4 i Ravvedimenti corrispondono delle date ben precise che sono: entro 14 giorno; dal 15 esimo al 30 esimo giorno; da 31 a 90 giorni; oltre i novanta giorni. Va da sé che la sanzione da pagare sarà ogni volta più alta, arrivando fino ad un massimo del 3,75 percento più gli interessi giornalieri. Se volete rimanere aggiornati su 'Modello Unico 2015 proroga scadenza per Partita Iva: tutte le info' cliccate il tasto 'Segui' in alto a destra.