Il pagamento dell'acconto della Tasi 2015 entro il 16 giugno prossimo presuppone l'applicazione delle aliquote e delle detrazioni dello scorso anno: se, dunque, non è cambiata la composizione del proprio patrimonio immobiliare, l'acconto corrisponde alla metà di quanto pagato per la #Tasi nel 2014.

L'aliquota standard della Tasi è uguale all'uno per mille da applicare alla base imponibile ottenuta applicando il moltiplicatore (che per le abitazioni principali è pari a 160) alla rendita catastale maggiorata del 5 per cento. I Comuni, però, hanno la facoltà di alzare l'aliquota fino al 2,5 per mille ed applicare una ulteriore maggiorazione dello 0,8 per mille, arrivando, in tal modo, all'aliquota massima del 3,3 per mille.

Tale livello è stato raggiunto, come è possibile notare dalla tabella in basso sulle aliquote e sulle detrazioni, da molti Comuni italiani.

Ricordiamo che il 3,3 per mille (ovvero lo 0,33 per cento) è applicabile alle abitazioni principali ed alle pertinenze; il limite, invece, per tutte le altre tipologie di immobili è fissato all'11,4 per mille (ovvero l'1,14%). E' stata eliminata la detrazione fissa di 200 euro che in passato era stata adottata per il pagamento dell'#imu sulle abitazioni. Inoltre, il Comune può deliberare altre esenzioni e riduzioni.

Tasi 2015, aliquote da applicare al calcolo dell'acconto di Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Genova, Bologna e gli altri capoluoghi di regione

Leggiamo, di seguito, la tabella con le aliquote standard applicate in tutti i capoluoghi di regione, l'applicazione, per ciascun Comune, delle detrazione e dell'eventuale pagamento dell'imposta sulle altre tipologie di immobili.

I migliori video del giorno

L'aliquota si intende esclusa per le abitazioni di pregio, ovvero quelle rientranti nelle categorie A-1, A-8 e A-9.

Città Aliquota per mille Detrazioni Altri immobili
Ancona 3,3 SI NO
Aosta 1 SI 0,1%
Bari 3,3 SI NO
Bologna 3,3 SI NO
Cagliari 2,8 SI NO
Campobasso 2,5 NO NO
Firenze 3,3 SI NO
Genova 3,3 SI NO
L'Aquila 2 NO 0,2%
Milano 2,5 SI 0,08%
Napoli 3,3 SI NO
Palermo 2,9 SI NO
Perugia 3,3 SI NO
Potenza 2,8 SI NO
Reggio Calabria 2,5 NO NO
Roma 2,5 SI 0,08%
Torino 3,3 SI NO
Trento 1 SI 0,15%
Trieste 2,5 SI NO
Venezia 2,9 SI NO