Abbiamo già parlato di quali novità ha portato il 2016 nei diversi ambiti, tra cui l’obbligo di installare entro il 31 dicembre le valvole termostatiche in ogni unità immobiliare nei condomini con riscaldamento centralizzato. Tali sistemi di contabilizzazione del calore sono necessari per ridurre il consumo di energia primaria, come previsto dalle direttive europee. In questo articolo comunichiamo invece che per quanto riguarda la riqualificazione energetica degli edifici esiste la detrazione fiscale, e che questa, oltre ad essere stata prorogata, viene applicata col il 65% sulle spese effettuate dal 1 gennaio al 31 dicembre 2016. Rientrano nella detrazione tutte le spese che si eseguono per sostituire un impianto di riscaldamento già esistente e quelle per installare le valvole termostatiche.

Vediamo di cosa si tratta.

Bonus ristrutturazione per impianti di riscaldamento e valvole termostatiche. A chi spetta? In quale percentuale?

Dall’inizio di quest’anno non si parla altro che di novità fiscali, detrazioni Irpef, agevolazioni, bonus di ogni genere. Ed ecco che arrivano i bonus ristrutturazione anche per chi vuole sostituire l’impianto di riscaldamento e chi applica le valvole termostatiche nei condomini. La detrazione Irpef/Ires applicata su tutte le spese che vengono sostenute nel 2016 dal 1 gennaio al 31 dicembre è del 65%. I condomini che possono usufruire di tutte le agevolazioni sono quelli che predispongono già di un impianto termico e che abbia una caldaia a condensazione. Per di più, le prestazioni devono portare una miglioria tale da avere un maggior risparmio energetico certificato in toto da uno specialista e tecnico abilitato.

I migliori video del giorno

Per quanto riguarda le valvole termostatiche, la loro installazione è obbligatoria entro il 31 dicembre per tutti i condomini o edifici polifunzionali che posseggono un riscaldamento centralizzato. L’obbligo è stato comunicato dalle direttive europee per far fronte al dispendio di energia primaria, per cui ha stabilito che ogni unità immobiliare debba collocare dei contatori individuali di calore per calcolare il reale consumo di energia. Si possono comunque presentare dei casi in cui non vi è la possibilità di installare questi sistemi , per cui il tecnico abilitato deve fornire all’utente una relazione scritta dove vengono riportate le cause per le quali l’immobile non può essere provvisto di impianti di contabilizzazione.

Se all’interno delle unità immobiliari non fosse possibile installare i contatori individuali per ragioni tecniche, o se questi sistemi risultano poco efficienti per i costi elevati, per il rilevamento del riscaldamento vengono installati dei sistemi di termoregolazione del calore individuali, ossia le valvole termostatiche.

Come abbiamo già detto queste valvole sono necessarie per calcolare il consumo del calore di ogni termosifone collocato negli appartamenti dei condomini.

Inoltre non si ha più l’obbligo dell’installazione di questi nuovi componenti se questa risulta del tutto impossibile tecnicamente oppure le spese sono eccessive e sproporzionate nei confronti degli eventuali vantaggi. Chi possiede impianti autonomi di riscaldamento non è obbligato a collocare le valvole termostatiche sui radiatori, ma lo può fare comunque se vuole avere un maggior controllo sui propri consumi.