Nel sito dell’Agenzia delle Entrate troviamo da un po' i vari modelli di compilazione, tra cui quello relativo al 730/2016 precompilato, ovvero alla dichiarazione delle imposte sul reddito dell’anno 2015. È presente anche un calendario fiscale denso dove rileviamo tutte le date di scadenza per comunicazioni sulle spese sanitarie, le detrazioni fiscali, l’invio della Certificazione Unica. Toccherà per primi a medici e strutture sanitarie, i quali hanno tempo fino al 1° febbraio per inviare i dati della dichiarazione dei redditi al Fisco. Vediamo quali sono tutte le scadenze previste per il 2016 e quali i soggetti interessati.

Date 730/2016 precompilato: spese sanitarie, detrazioni, compilazione e invio

Ogni anno noi cittadini italiani abbiamo un numero considerevole di scadenze da rispettare.

L’Agenzia delle Entrate ci ha preparato appunto un calendario fiscale con date ben precise da seguire per le diverse categorie di persone e istituti. Ecco l’elenco dettagliato da non dimenticare:

  • I primi soggetti presi in considerazione sono i medici e gli odontoiatri che sono registrati all’Ordine, seguiti dalle farmacie e dalle strutture sanitarie, sia pubbliche che private, che sono sostenute da Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Entro il 1 febbraio, queste categorie devono inviare al Servizio Tessera Sanitaria (STS), per via telematica, tutti i dati che riguardano le spese sanitarie compiute nel 2015, con l’aggiunta dei rimborsi per le prestazioni erogate e non. L’accesso al STS è già attivo dal 18 gennaio;
  • Per le banche, le assicurazioni e i vari intermediari, la scadenza è invece il 29 febbraio. Entro questa data devono comunicare all’Anagrafe Tributaria i dati che servono per ottenere le detrazioni riguardanti le spese universitarie, la previdenza complementare, e a seguire anche le spese funerarie, la rata del bonus per le ristrutturazioni e l’energia. Per quanto concerne il bonus e il risparmio energetico, è compito della banca, dove si esegue il bonifico, ad inviare tutte le informazioni utili. All’Agenzia delle Entrate troviamo il provvedimento del 23 dicembre 2015 dove sono contenute tutte le regole relative agli invii;
  • I sostituti d’imposta hanno tempo fino al 7 marzo per inviare la Certificazione Unica 2016;
  • L’Agenzia delle Entrate dà la possibilità ai contribuenti di accedere tramite web al 730 precompilato già dal 15 aprile, con la stessa procedura del 2015. Ovvero, per reperire il modulo da compilare, basta accedere nella propria area riservata con il PIN INPS, oppure utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi o ancora le credenziali del Fisco online. Oltre al web, il contribuente ha la possibilità di presentare la dichiarazione recandosi ai CAF, a professionisti che sono abilitati, oppure rivolgendosi al sostituto d’imposta. Il 730 precompilato piò essere inviato a partire dal 2 maggio, con le modifiche e integrazioni necessarie;
  • Entro il 7 luglio deve essere ultimata la trasmissione sia del 730 precompilato che per quello ordinario;
  • Il 30 settembre è la data ultima per integrare la dichiarazione presentando il modello Unico PF/2016, ma è anche la data di scadenza della comunicazione dell’acconto IRPEF al sostituto d’imposta;
  • Per il 730 integrativo, in caso di un credito minore o un debito maggiore, il termine è il 25 ottobre. Mentre se il CAF, il professionista o il sostituto d’imposta commette un errore, può essere presentato il 730 rettificato entro il 10 novembre.