A breve gli Italiani dovranno ricorrere alla compilazione del modello 730 al fine di consegnare la dichiarazione dei redditi per l'anno 2016, e per chi possiede un animale domestico sono previste delle agevolazioni fiscali di cui non tutti sono a conoscenza e che possono agevolare i proprietari degli amici a quattro zampe a sostenere le spese veterinarie e di sostegno. Già da un po di tempo circola in rete la notizia del bonus da 500 euro per chi possiede un animale domestico, ma nello specifico non esistono voci correlate al modello 730 che sono indirizzate ad eventuali richieste di questo bonus cane o bonus fiscale per chi possiede un animale domestico.

Bonus per chi possiede un animale domestico

Andando a verificare la notizia che da tempo circola in rete e che tende a far cadere in tranello chi la legge, il bonus da 500 euro per chi possiede un animale domestico non è affatto una detrazione fiscale ma bensì un bonus messo a disposizione da parte di alcuni comuni italiani, al fine di alleviare le casse comunali dalle spese a loro dire ingenti, dovute dalla gestione di canili e di cani o gatti randagi. Pertanto, alcuni comuni hanno deciso di elargire un bonus per chi adotta un cane o un gatto randagio. Il contributo in questione non è affatto da 500 euro e varia a secondo del bando comunale in questione, infatti la somma oggetto di bonus, varia tra i 100 euro ed i 300 per ogni cane randagio adottato.

Detrazioni fiscali

Anche se i possessori degli amici a quattro zampe dovranno rinunciare al bonus cane 2016 poiché quest'ultimo è destinato solo a casi particolari e sopratutto in base al comune di residenza, è comunque possibile usufruire di alcune detrazioni fiscali all'atto della presentazione del modello 730.

I migliori video del giorno

Nello specifico è possibile, attraverso la presentazione del modello 730, ricevere una detrazione fiscale pari al 19% dell'importo riferito a spese veterinarie varie, fino ad un importo massimo detraibile di 387,34 euro, a cui vanno sottratta una franchigia di 129,11 euro. Differente invece, il caso che il comune di residenza abbia elargito attraverso un bando, la possibilità di ricevere ulteriori bonus fiscali per l'adozione di un animale domestico. L'agevolazione, per la maggioranza dei casi, verrà detratta dell'importo dovuto al comune di residenza in riferimento al pagamento di tasse comunali come la tari.