Dopo il nostro ultimo aggiornamento su obblighi e e scadenze relative ad Imu e Tasi 2016, oggi ci concentriamo sulla compilazione e sul modello 730 di quest'anno. Ad interessare i contribuenti è in particolare il termine ultimo per l'invio del documento dichiarativo, attualmente scadenzato al prossimo 7 luglio. Al riguardo è però attesa una nuova proroga, che potrebbe spostare la scadenza dopo la metà del mese: le nuove stime parlano di uno slittamento al 25 luglio, considerando che il 23/04 cade in un giorno non lavorativo. D'altra parte, la richiesta per un ulteriore intervento di proroga è arrivata anche quest'anno all'unisono da parte dei Centri di Assistenza Fiscale (meglio noti come CAF) e dei commercialisti, che ritengono essenziale avere a disposizione tre settimane in più al fine di smaltire un numero così elevato di pratiche.

Questo anche considerando che gli adempimenti fiscali alla metà dell'anno tendono a moltiplicarsi, creando non poche difficoltà nella gestione degli invii.

Scadenza per il modello 730: allo studio della Commissione finanza alla Camera uno slittamento strutturale?

Stante la situazione appena descritta, sembra che i legislatori vogliano orientarsi verso una modifica strutturale del sistema di scadenze relative all'invio annuale del modello 730. Da un lato proprio per snellire la concentrazione di adempimenti che tradizionalmente prende forma tra i mesi di giugno e luglio. Dall'altro per evitare che annualmente ci si trovi a dover rincorre simili richieste da parte dei fornitori di servizi d'assistenza fiscale, con successive ed inevitabili proroghe. Nel frattempo anche nel 2016 verrà richiesto ai CAF di smaltire almeno il 70/80% delle pratiche entro il primo termine del 7/04.

I migliori video del giorno

Mentre per quanto riguarda i ritardatari o chi si presentasse all'ultimo minuto, bisogna ricordare che in questo caso la tempistica per la ricezione del rimborso fiscale (su eventuali crediti maturati) potrebbe slittare oltre il tradizionale mese di luglio.

Come da nostra abitudine, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere le prossime notizie di aggiornamento su fisco e lavoro vi ricordiamo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.