Sarà disponibile a breve sul sito Inps il modulo telematico per la richiesta dell’“Incentivo Occupazione Giovani” istituito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con decreto direttoriale n. 394 del 2 dicembre 2016 e relativo all’assunzione dei giovani registrati al “Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani” più noto come “Programma Garanzia Giovani”.

Con la circolare n. 40 del 28 febbraio scorso l’Inps ha fornito le indicazioni per la fruizione del nuovo incentivo destinato alle imprese che, tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2017, assumono a tempo determinato o indeterminato giovani “neet” (inoccupati o disoccupati e non inseriti in percorsi di istruzione o formazione) di età compresa tra i 16 e i 29 anni.

Rapporti di lavoro incentivati

L’agevolazione spetta per le assunzioni a tempo determinato di durata pari o superiore a sei mesi e a tempo indeterminato (anche in somministrazione ed anche a tempo parziale).

L’incentivo non viene riconosciuto nelle seguenti ipotesi:

  • lavoro domestico;
  • lavoro intermittente;
  • prestazione di lavoro accessorio;
  • apprendistato per la qualifica e il diploma professionale;
  • apprendistato di alta formazione e di ricerca.

L’incentivo scatta, invece, in caso di assunzione con contratto di apprendistato professionalizzante.

Misura dell’incentivo

L’incentivo viene erogato in 12 rate mensili (a partire dalla data di assunzione del lavoratore) e riguarda:

  • il 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro nella misura massima di 4.030 euro su base annua per ciascun lavoratore assunto a tempo determinato (proroghe comprese);
  • la contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro nella misura massima di 8.060 euro su base annua per ciascun lavoratore assunto a tempo indeterminato.

Condizioni di spettanza dell’incentivo

Hanno diritto all’agevolazione tutte le imprese presenti sul territorio nazionale (ad esclusione di quelle con sede nella Provincia Autonoma di Bolzano) che siano in regola in riferimento:

  • all’adempimento degli obblighi contributivi;
  • all’osservanza delle norme sulla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro;
  • al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali e, ove previsti, regionali, territoriali o aziendali;
  • all’applicazione dei principi generali in materia stabiliti dall’articolo 31 del decreto legislativo n. 150/2015.

Procedimento di ammissione all’incentivo

È necessario inoltrare all’Inps istanza preliminare di ammissione all’incentivo che riporti i dati del lavoratore, la Regione e la Provincia ove si svolge prestazione lavorativa, l’importo della retribuzione mensile media, l’aliquota contributiva.

I migliori video del giorno

L’Inps verifica se il lavoratore sia registrato al “Programma Garanzia Giovani” e sia profilato, calcola l’importo dell’incentivo, controlla la disponibilità di risorse finanziarie e comunica per via telematica che è stato prenotato a beneficio del datore di lavoro l’importo dell’incentivo spettante.

Se la domanda viene accolta, il datore di lavoro, se non ha ancora provveduto, deve effettuare l’assunzione entro sette giorni e darne comunicazione all’Istituto entro dieci giorni.

L’incentivo sarà riconosciuto in base all’ordine cronologico di presentazione delle istanze fino ad esaurimento delle risorse stanziate pari a 200 milioni di euro. #assunzioni