Grazie alla Cultura e all'Istruzione ci siamo evoluti.

Grazie alla Tecnologia c'è stata Innovazione nel modo di concepire e creare gli oggetti che ogni giorno usiamo e che vediamo intorno a noi.

Il 3d Printing

Il 3d printing è una nuova filosofia produttiva e consiste nell'utilizzare un file 3d creato con un apposito software (ad esempio Blender, 3d Studio Max o Google Sketchup) come base per stampare, con apposita stampante 3d, il file creando cosi una riproduzione solida e tangibile di ciò che prima era solo un oggetto virtuale utilizzando molto spesso dei filamenti in ABS, PLA, PVC e PLAYWOO (materiale che imita il legno).

Questo, che per molti era solo un sogno pochi anni addietro, è un'innovazione che andrà a colpire molti settori.

Nato per la prototipazione rapida, ovvero creare dei prototipi di un prodotto in tempi ultra rapidi, si è ora diffuso in molti ambiti e si è avvicinato all'uso casalingo.

Ambiti d'uso

Come dicevo prima si è diffuso in molti campi dalla creazione di prototipi di statuette (modellismo, collezionismo etc) e altri gadget fino ad arrivare nel campo medico (protesi e supporti ortopedici come quello per la scoliosi sviluppato dalla 3D System), si parla anche di organi stampati in 3d (notizia diffusa su alcune testate online come il 'Corriere'), per finire all'edilizia.

Edilizia in 3d

Suona anche più strano che nel campo medico ma ci sono due grosse notizie una americana e una cinese.

La notizia di origine americana riguarda il Professore Behrokh Khoshnevis direttore del programma Manufacturing Engineering Graduate Program presso University of Southern California (USC) con il suo Contour Crafting, una stampante 3d per produrre case a 2 piani in 2h, utilizzando anche design complessi e permettendo di inserire dei rinforzi (travi e altro materiale come infissi) e di installare persino l'impianto elettrico e quello idrico durante la realizzazione dei singoli piani; mentre quella cinese riguarda la WinSun Decoration Design Engineering Co di Shangai che ha realizzato ben 10 strutture abitative in meno di 24h (creando dei blocchi che poi sono stati uniti per formare l'unità abitativa).

Il fattore più interessante è che l'impasto madre viene creato utilizzando materiale edilizio riciclato, quindi oltre ad innovare ha un piccolo riguardo all'ambiente ed alla natura che troppo spesso danneggiamo.

Faccio presente che anche in Italia esiste un comunità sul 3d e sul 3d Printing e anche aziende che hanno investito in questa tecnologia con progetti anche di carattere umanitario come il WASProject che mira a creare unità abitabili utilizzando una stampante gigantesca (ancora in fase di sviluppo) utilizzando l'argilla, al contrario dei due progetti sopra menzionati che utilizzano materiali cementizi.

Il Futuro

In definitiva una tecnologia con grandi possibilità di cui non potremo fare a meno in futuro che non si ferma ad un solo impiego ma che, grazie alla volontà e all'ingegno di chi sta dietro, riesce ad essere innovativa in vari settori.

Presto vedremo magazzini o piccole abitazioni stampate in 3d, risparmiando in tempo e denaro, venendo in contro a chi, ad esempio, ha perso la casa a causa di un capriccio di madre natura, come purtroppo è già accaduto a causa di terremoti o di inondazioni o tsunami.

Ne vedremo e ne stamperemo delle belle.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto