Twitter si rifà il look e diventa più simile a Facebook. Secondo il sito BuzzFeed, infatti, il social network avrebbe deciso di sostituire l’ordine cronologico della propria “home” con un algoritmo capace di mostrare i tweet in base agli interessi delle persone. Subito, in segno di protesta, si è diffuso l’#hastag “RIPTwitter” da parte degli utenti storici del sito, che non vorrebbero vedere scomparire un elemento presente fin dagli inizi sul social.

Quello che più preoccupa è la possibilità che Twitter diventi troppo simile a Facebook. Infatti, quest’ultimo già integra un algoritmo che mostra i post ritenuti più interessanti per l’utente.

Twitter e il nuovo look

Josh Steinberg della NBC, dietro suggerimento di fonti interne alla compagnia, ha rivelato che l’algoritmo potrebbe essere un’opzione attivabile e disattivabile a discrezione dell’utente.

Quindi, se ciò fosse confermato, potremmo scegliere tra la visualizzazione cronologica dei tweet e quella gestita dal software. Infatti, l’algoritmo agevolerebbe gli utenti nuovi e occasionali aiutandoli ad individuare più facilmente i cinguettii di maggiore interesse personale, ma eliminerebbe l’immediatezza con cui le notizie e i fatti del mondo vengono diffusi in tempo reale, in ogni parte del globo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tecnologia

Tuttavia, quello che sembrava un cambiamento ormai scritto ha subito un brusco stop. Jack Dorsey, CEO dell’azienda, con una serie di tweet, ha smentito l’introduzione di un algoritmo non cronologico: “Twitter è in tempo reale” e ancora “amiamo la condivisione live”. Dopo, ha fatto notare che il social network già implementa alcune funzionalità che permettono di mettere in rilievo alcuni cinguettii rispetto ad altri.

A ben vedere, questo è vero. Per esempio, alcuni tweet delle pagine profilo sono scritti con una dimensione del testo più grande. Invece, la funzione “Mentre eri via” permette di vedere i tweet che abbiamo perso dalla nostra ultima visita. Dunque, tutto smentito. Anche se rimane il dubbio della clamorosa retromarcia in seguito alla rivolta degli utenti. Se vuoi rimanere aggiornato su questo ed altri argomenti, clicca sul tasto"Segui"vicino al nome ad inizio articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto