I film ci hanno sempre visto lungo, trattando con incredibile anticipo rispetto al tempo corrente i temi più svariati. Fra tutti c'è quello delle guerre combattute da robot capaci anche di prendere decisioni autonomamente al posto nostro, pilotandoli a distanza o programmandoli a dovere come in un videogioco. Assodato che la migliore guerra è quella che non si inizia, in caso di conflitto siamo tutti d'accordo che sul campo è meglio risparmiare una vita umana che artificiale, dopotutto è anche questo il fine dell'introduzione dei robot sul campo di guerra, soccombono al posto nostro e svolgono missioni che per un umano sarebbe impossibile affrontare. Ma in questi giorni si lancia l'allarme, perché un sistema elettronico può ritorcersi contro.

Il problema è il controllo

Proprio uno dei pregi di questi sistemi diviene potenzialmente uno dei difetti più grandi. Fondamentalmente l'allarme risiede nella possibilità che i robot impiegati per uso militare possano uccidere a comando attraverso una riprogrammazione e intercettazione da parte di una forza nemica (hacker, terroristi, despoti e semplici malintenzionati) colpendo dovunque e chiunque.

Questa eventualità tutt'altro che remota ha portato molti costruttori leader (ben 116 da 24 paesi) nel campo informatico a chiedere alle Nazioni Unite che questi sistemi vengano vietati sul campo. Una prima occasione utile ad informare è stata quella dell'apertura a Melbourne della "26° Conferenza Internazionale Congiunta sull'Intelligenza Artificiale", evento di spicco in cui tutti i grandi della robotica si incontrano per discutere di diversi temi inerenti al campo d'interesse; tra questi Elon Musk della Tesla Automotive e Mustafa Suleyman di Google.

Proprio loro hanno firmato una lettera d'intenti che avverte chiaramente sul pericolo in cui si dichiara che questo genere di armi minacciano seriamente la sicurezza mondiale e che si apprestano a diventare il terzo step evolutivo dei sistemi di guerra. Oltre ai limiti sul controllo di queste armi, si pensa anche alla possibilità che queste possano estendere a dismisura, e con una rapidità mai sperimentata, i conflitti.

E si scrive inoltre che il tempo per agire è già poco, e una volta che ci si sarà avvicinati a questo genere di tecnologia sarà difficile tornare indietro.

Immediata la risposta

La macchina mondiale si è già messa in moto, infatti l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha recentemente iniziato a discutere formalmente su questi temi, ma anche su tecnologie in parte già realizzate che vanno pericolosamente in quella direzione, come droni e mitragliatrici automatizzate.

In concomitanza è stato costituito un gruppo Onu che studierà attentamente la diffusione e i rischi delle armi autonome letali. Già Einstein, in un suo celebre pensiero, spiego chiaramente ciò che sarebbe successo, dicendo che "nessun topo costruirebbe una trappola per topi".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto