Video Baby Bulla ormai virale. Le immagini della 15enne che picchia selvaggiamente una sua coetanea davanti alla scuola Primo Levi di Bollate hanno fatto il giro del web indignando tutti. Indignazione che ora però sta diventando pericolosa, se non addirittura patetica.

Baby Bulla Facebook: cosa sta succedendo?

Andiamo per ordine, la scorsa settimana è stato pubblicato su Facebook un video di una giovanissima bionda che prende a calci e pugni una sua coetanea davanti alla suddetta scuola. Tra i tanti presenti nessuno interviene, inoltre il ragazzo che riprende l'accaduto, ride e incita la violenta 15enne ad insistere nella sua azione mentre l'altra piange e chiede disperatamente aiuto.

Il video ha per protagoniste la vittima Sarah ed il carnefice Giovanna, due personaggi che, in seguito a questo terribile episodio, chi per un verso che per l'altro, sono diventati popolarissimi. Il video della Baby bulla è stato infatti in un batter d'occhio sommerso di commenti e ripetutamente condiviso su altre bacheche. Decine di gruppi si sono aperti per cavalcare l'onda. Giovanna, che su Facebook aveva un profilo chiamato La Giovii, è stata praticamente costretta a chiuderlo vista la miriade di insulti che ha subito. Pare ne abbia aperto un altro nuovamente chiuso, poi un altro ancora.

I tanti gruppi contro Giovanna stanno diventando pericolosi perché esprimono il suo stesso odio e la sua stessa ignoranza, cosa che quindi non aiuta sicuramente la baby bulla a capire l'errore che ha fatto, ma semmai a provocarle ancora più rabbia e ribellione.

Per quanto riguarda invece Sarah, altrettanti gruppi Facebook sono sorti per pubblicare le sue foto e commentare con centinaia di "sei bellissima" e migliaia di "like". Insomma, l'altra faccia della medaglia è diventata grottesca, una ragazzina picchiata ora viene trattata come fosse una tronista di Uomini e Donne.