Non ci aspettavamo che Luca Ward fosse così simpatico e fosse a tal punto senza peli sulla lingua da parlare di tutto e di tutti senza remore. Luca Ward non è di certo un volto nuovo della Televisione. A parte, ovviamente, il ruolo di Ruggero Camerana ne Le tre rose di Eva, ricordiamo anche la partecipazione all'Isola dei famosi. In più, mai come in questo periodo, si sta dedicando di nuovo al teatro, portando in scena la commedia My fairy lady. Su tutto però il suo lavoro di doppiatore, un lavoro non di poco conto e che ha segnato una bella pagina del cinema italiano.

Le tre rose di Eva 2, il cast: Luca Ward e i nostri tempi bui

Luca Ward, nell'intervista rilasciata al noto rotocalco Chi, sembra un fiume in piena. Parla con orgoglio del personaggio del "Pigmalione" Mr.

Higgins nella commedia My fairy lady e ribadisce che lui vuole ancora credere che la cultura possa servire come mezzo per il riscatto sociale, anche se viviamo tempi bui in cui basta mostrare "un paio di cosce e una farfalla tatuata" (parole testuali) per ottenere successo e divenire veri e propri idoli delle masse. Il riferimento a persone o cose realmente esistenti non è evidentemente da ritenersi casuale.

Le tre rose di Eva 2, il cast: Luca Ward, anche per il cinema tempi bui

E poi Luca Ward ci tiene a rivendicare l'importanza del doppiaggio nella carriera di un futuro attore. Racconta infatti che un tempo quasi tutti gli attori più importanti avevano fatto e spesso continuavano a fare i doppiatori, perché il doppiaggio insegna a impostare la voce, a essere in grado di cambiare repentinamente il registro, a modulare la voce in più modi e a divenire più comunicativi.

I migliori video del giorno

Il cinema italiano invece vive tempi drammatici e così "la gente si annoia di vedere sempre le stesse trame e si butta sulla comicità di Checco Zalone" (ancora una citazione testuale!).

Le tre rose di Eva 2, il cast: bisognerebbe essere come Ruggero Camerana!

Luca Ward parla anche della sua famiglia e soprattutto dei figli di cui apprezza la bontà e la generosità. Ma le considerazioni dell'attore sono amare, la bontà non sempre paga nel nostro mondo, per cui bisognerebbe essere anche un po' come il Ruggero Camerana de Le tre rose di Eva. Nella vita bisogna sapersi difendere e non crollare mai dinanzi alle difficoltà.