Riflettori mediatici costantemente puntati sul caso Elena Ceste relativamente alla quale vediamo di seguito le ultime news sul marito: la nota trasissione tv "Chi l'ha visto?" in onda ormai da anni si è occupata ancora una volta della sua misteriosa sparizione risalente all'ormai lontano 24 gennaio 2014. Come certamente sapete, dato che si è fatto un gran parlare sulla Ceste negli ultimi mesi, spesso a sproposito, tra i principali sospettati c'è il di lei marito, tale Michele Buoninconti. E' lui la persona che conosceva meglio alcune sfumature del carattere della donna. E' lui che poteva guidare gli investigatori verso la pista giusta per risolvere lo spinoso caso. A suo favore ci sono alcune prove e precisamente dei video registrati da alcune telecamere di sorveglianza che provano che l'uomo portò efettivamente i figli a scuola nell'ora da lui indicata.

Buoninconti dice quindi la verità? E' presto per affermarlo con sicurezza ma per ora stupisce il fatto che, nonostante il grande sforzo profuso dagli inquirenti, non sia stata trovata una pista davvero convincente per svelare l'arcano Ceste.

Il signor Michele parla di "silenzio tombale" al suo ritorno a casa e secondo un'interpretazione molto maliziosa la scelta dell'aggettivo "tombale" sarebbe una sorta di lapsus mentis ma naturalmente un lapsus non è certamente una prova. C'è poi il rebus legato agli indumenti della donna che sarebbero stati rinvenuti in giardino dal marito stesso. La Ceste non può certo averli abbandonati per aggirarsi i biancheria intima col freddo di gennaio. Un'ipotesi è che avesse con sé altri abiti, ma a questo punto perché procedere al cambio in giardino col pericolo di essere notata da qualcuno, invece di farlo al riparo da occhi indiscreti? Le ipotesi investigative sul caso Elena Ceste sono tre: allontanamento volontario, sequestro, omicidio.

I migliori video del giorno

Non si vedono altre opzioni all'orizzonte per sbrogliare il caso che nella sua fase iniziale francamente sembrava più semplice di quel che si è poi rivelato nei fatti. La speranza degli investigatori è quella che la sua storia non si concluda con la scoperta dell'ennesimo feminicidio.