Che Centovetrine non sia più quella di una volta è un dato di fatto. Il peggioramento della qualità nelle storie e nel cast è sotto gli occhi di tutti. Nel 2012 la soap italiana più amata totalizzava circa 4 milioni di telespettatori col 22% di share a puntata fino a scendere a 2 milioni e 400 mila col 15 % nel mese di dicembre 2014 su Canale 5. Ma, la soap eccellenza della programmazione nostrana meritava davvero lo spostamento su Rete Quattro? Mediaset ha giustificato questo cambio di palinsesto dicendo che Centovetrine avrebbe rafforzato la fascia serale del canale ma quello che è accaduto sembra tutto meno che un rafforzamento e, diciamocelo, pochi hanno creduto alle parole del biscione.

Quello di Centovetrine è un declassamento.

Centovetrine, gli ascolti su Rete 4 crollano: Mediaset vuole uccidere la soap?

Le due puntate di Centovetrine tramesse lunedì 15 e martedì 16 dicembre su Rete Quattro hanno visto un crollo di un milione e mezzo di telespettatori. La soap ha totalizzato 1 milione e 100 mila telespettatori col 4% di share. Poco importa se Mediaset ha parlato di ottimo debutto, gli ascolti sanno di flop. E, con questi dati, non è azzardato parlare di chiusura di Centovetrine. Una fine ingloriosa. Centovetrine per quattordici anni ha appassionato il pubblico, garantendo degli ottimi risultati a Canale 5 ma, per qualche oscuro motivo, Mediaset ha deciso di sbarazzarsene e i fan sui social network accusano la rete di voler uccidere Centovetrine.

I migliori video del giorno

Centovetrine, fan in rivolta contro Mediaset

I fan di Centovetrine sono furiosi contro questo spostamento della soap su Rete 4 alle 20.05 che rischia di sancire la fine di questo prodotto amatissimo. Una fine, a questo punto, voluta da Mediaset secondo il pubblico. Certo, Centovetrine costa molto e forse la rete vuole usare quel budget per altri prodotti. Ma, questo trattamento verso la soap made in Italy più amata è parso ai più veramente ingiusto. E' vero, le storie del centro commerciale più famoso della tv hanno perso smalto, sono condannabili alcune scelte di casting che non convincono affatto, gli sceneggiatori hanno puntato, inspiegabilmente, su dei protagonisti sbagliati che sono centralissimi ma Centovetrine è comunque un prodotto amatissimo dal pubblico e questa quindicesima stagione sembrava poter essere veramente la rinascita della soap. Inoltre, tra circa una quarantina di episodi riappariranno due personaggi che fecero faville in passato e cioè Marco e Stefano Della Rocca, interpretati da Alessandro Mario e Danilo Brugia e che sono ancora nel cuore dei telespettatori. Centovetrine riuscirà a risollevarsi? E Mediaset farà un passo indietro ridando alla serie la sua storica e vincente collocazione alle 14.10?