Periodo decisamente negativo per la soap opera italiana Mediaset, Centovetrine, che fino a pochi giorni fa veniva trasmessa su Canale 5 nella fascia oraria del primo pomeriggio, al termine di Beautiful e prima di Uomini e donne di Maria De Filippi. Lontani i tempi in cui Centovetrine superava abbondantemente i 3 milioni di spettatori in daytime, negli ultimi mesi di programmazione su Canale 5 la soap opera si era assestata su una media che non superava i 2.4 milioni di spettatori al giorno, pari ad uno share che oscillava tra il 15 e il 16%. Numeri discreti, che tuttavia non sono più piaciuti ai dirigenti di Canale 5, i quali hanno deciso di trasferire gli episodi inediti di Centovetrine su Rete4.

Così, dal 15 dicembre 2014 per seguire le nuove puntate di Centovetrine vi dovete collegare su Rete4, dal lunedì al venerdì alle ore 20: fino a questo momento sono state trasmesse già due puntate della soap opera, che tuttavia non hanno ottenuto il successo sperato.

Centovetrine su Rete4: gli ascolti sono flop, verrà chiusa?

Gli ascolti di Centovetrine su Rete4 sono un vero e proprio flop: le prime due puntate trasmesse lunedì e martedì alle 20 sono state seguite da una media di appena 1 milione di spettatori, pari ad uno share del 4.40%. Numeri davvero bassi per Centovetrine, che ha perso più di 1.4 milioni di spettatori rispetto alla messa in onda su Canale 5.

Per il momento, quindi, il passaggio di Centovetrine su Rete4 non ha fatto per nulla bene agli ascolti della soap: certo, bisogna dire che nessuno si aspettava che registrasse la stessa media di spettatori di Canale5, però almeno che si mantenesse sul milione e mezzo di spettatori e circa il 6/7% di share! Le anticipazioni circa il futuro di Centovetrine, quindi, non sono affatto rosee: già quando veniva trasmessa su Canale 5 si era parlato in diverse occasioni di una chiusura definitiva dovuta ai costi troppo elevati della produzione.

I migliori video del giorno

Adesso che gli ascolti non sono più positivi come un tempo, il rischio chiusura per Centovetrine si fa sempre più concreto...