La notizia era già trapelata qualche giorno fa ma ad ufficializzarla è stato il Gabibbo direttamente nel corso di una puntata di Striscia la notizia: Fabio e Mingo, storici inviati dal tg satirico, sono stati sospesi: " Abbiamo ricevuto una segnalazione che può mettere in discussione il rapporto di fiducia con la nostra redazione pugliese", ha specificato il Gabibbo precisando che i telespettatori otterranno quanto prima nuove informazioni sul caso. 

Ma quali sono i veri motivi che hanno spinto Antonio Ricci a licenziare, con una semplice email, due collaboratori da ben 19 anni? Secondo alcune voci che circolano sul web, ma che non sono state assolutamente confermate da fonti ufficiali di Mediaset, Fabio De Nunzio e Domenico De Pasquale sarebbero colpevoli di aver falsificato un servizio, probabilmente quello riguardante Claudio D'Amario, il direttore dell'Asl di Pescara.

Fabio e Mingo sospesi: l'inchiesta giunge alla Procura di Bari

La notizia della sospensione di Fabio e Mingo è in breve passata dalla Televisione alle aule della Procura di Bari che cerca di fare chiarezza sul possibile reato di truffa. Stando ai beninformati, al PM di Bari si sarebbero rivolti sia Antonio Ricci che Mediaset con il chiaro intento che i due ormai ex inviati siano puniti per gli errori commessi. A tal proposito si è espresso Francesco Maria Colonna, l'avvocato difensore di Fabio e Mingo, che si è stupito di come una notizia così delicata sia stata mandata in pasto all'opinione pubblica sebbene i suoi assistiti non risultino al momento indagati. A tal proposito, già nel corso della prossima settimana, potrebbe esserci un primo incontro tra il Pubblico Ministero di Bari e i due diretti interessati per capire se fosse solo loro la colpa dei falsi servizi per i quali sono ora accusati.

Davvero la redazione e il patron Antonio Ricci non ne erano a conoscenza?

La questione ha sicuramente ancora molto da raccontare e siamo certi che Striscia la notizia si farà in quattro per tenere i telespettatori costantemente informati di tutti gli sviluppi del caso. 

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la pagina Gossip
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!